Confermate le Fiere di San Bartolomeo, il 28 e 29 agosto a Città di Castello

 
Chiama o scrivi in redazione


Confermate le Fiere di San Bartolomeo, il 28 e 29 agosto a Città di Castello

Confermate le Fiere di San Bartolomeo, il 28 e 29 agosto a Città di Castello

“Con tutti gli accorgimenti del caso, abbiamo deciso di confermare l’appuntamento con le Fiere di San Bartolomeo per non venire meno a una tradizione importante per la comunità tifernate e dare un segnale di fiducia nella ripartenza degli eventi pubblici, dopo le ultime disposizioni del Governo sull’applicazione del Green Pass Covid-19 che ci hanno purtroppo portato a rinunciare a iniziative importanti”.

Lo annunciano il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore al Commercio e Turismo Riccardo Carletti, nel dare notizia della determinazione dirigenziale con la quale è stata confermata l’organizzazione della manifestazione in programma sabato 28 e domenica 29 agosto. Nel rispetto delle previsioni del decreto legge 23 luglio 2021 n.105 in vigore dal 6 agosto scorso, le fiere saranno allestite nell’area di parcheggio di piazzale Enrico Ferriche sarà delimitata in maniera tale da consentire l’accesso unicamente agli espositori e ai visitatori in possesso di Green Pass Covid-19.

L’amministrazione comunale, attraverso il Servizio Commercio e Polizia Amministrativa, il Comando della Polizia Municipale e il Servizio Sicurezza sul lavoro, ha infatti preso atto dell’impossibilità di attenersi a tutte le misure di prevenzione e di contenimento dell’epidemia da Covid -19 dettate dal Governo nelle altre due aree inizialmente previste per l’organizzazione dell’evento, ovvero piazza Gabriotti e il parco Alexander Langer, restringendo l’estensione complessiva delle fiere e il numero di espositori.

LEGGI ANCHE – Città di Castello, investimento da 40 mila euro nella promozione turistica

“Saranno fiere in forma molto ridimensionata per garantire il rispetto di tutte le normative, ma assieme delle organizzazioni di categoria abbiamo comunque voluto allestire la manifestazione anche per dare l’opportunità di lavorare agli operatori commerciali, offrendo alla cittadinanza e ai turisti quanto è possibile in questa fase della pandemia”, sottolineano Bacchetta e Carletti.

Nella rimodulazione delle aree riservate agli ambulanti a piazzale Ferri, una quota di spazi sarà riservata alla partecipazione di produttori agricoli; commercianti di animali vivi; commercianti di prodotti connessi all’agricoltura; alla zootecnia; al giardinaggio; artigiani; operatori su area pubblica; hobbisti; espositori di prodotti, animali, servizi non in vendita; enti istituzionali, scuole, associazioni del volontariato.

A vigilare sul rispetto delle norme sarà la Polizia Municipale, con il supporto dei volontari di Protezione Civile.

2 Commenti

  1. Limitare l accesso ai soli possessori di GP è discriminatorio sopprattutto per una manifestazione all aperto,ma ci vuole anche per i cavalli e le chianine? penso sarà un boomerang,non ci verròper essendo possessore di gp per guarigione dopo il covid…
    Spero di ritornare quando questa follia sarà abbandonata

  2. Per una Fiera all aperto è assurdo chiedere un lasciapassare senza fondamenta.
    Peccato,quest anno non contribuiro’al bellissimo evento che questo paese organizza ogni anno.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*