Umbertide, trasporto pubblico locale, l’Amministrazione Comunale fa il punto


Scrivi in redazione

Migliorare il servizio del trasporto pubblico a San Giustino

Umbertide, trasporto pubblico locale, l’Amministrazione Comunale fa il punto

Quella sul trasporto pubblico locale è stata l’ennesima inesattezza dal consigliere comunale Giovanni Codovini. Bisogna partire da tre dati di fatto che smontano definitivamente le posizioni del capogruppo di Umbertide Cambia qualche giorno fa.
Il trasporto su gomma da diverso tempo versa in condizioni pietose, tanto che l’attuale giunta regionale si è trovata 15 milioni di euro di buco causati dall’arrivo di decreti ingiuntivi dimostrando così, in maniera cristallina, la superficialità con cui la sinistra, che ha governato la Regione fino a ottobre dello scorso anno, ha trattato il tema dei trasporti pubblici.
Lo scenario trovato dall’attuale Giunta regionale non è per niente roseo, anzi, verrebbe da dire che a essere ereditati sono stati solo e unicamente problemi.
Pur essendo una situazione difficile, la nuova Giunta regionale si è interfacciata più volte con i vari territori umbri, cercando di coinvolgerli unicamente sul taglio di sprechi legati al trasporto pubblico locale su gomma, invece che usare la mannaia come è accaduto con la passata Giunta regionale.
Ricordiamo che l’estate scorsa, il Comune di Umbertide, quando la Regione governata allora dal centrosinistra ha deciso di usare la scure sul trasporto pubblico locale, si è preso in carico il problema e ha usato risorse provenienti dal proprio bilancio per garantire un servizio di collegamento delle frazioni al capoluogo.
Per quanto riguarda la ex-Fcu, una infrastruttura preziosa e importante per tutto il nostro territorio, lasciata al proprio destino, Codovini e Umbertide Cambia, nell’ultimo periodo non hanno mai puntato l’indice contro chi, ovvero il centrosinistra, ha ridotto la ferrovia nello stato che tutti conosciamo.
Nelle occasioni sopra citate, il capogruppo di Umbertide Cambia si guardò bene di polemizzare con quelli che, alla fotografia attuale, sembrano i suoi nuovi alleati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*