Tre scuole in cima alla classifica della Fondazione Agnelli

 
Chiama o scrivi in redazione


Tre scuole in cima alla classifica della Fondazione Agnelli

“Complimenti alle scuole segnalate che rappresentano un’eccellenza educativa a livello nazionale e oltre a garantire un elevato livello formativo per i nostri ragazzi contribuiscono ad accrescere il capitale sociale e quindi il potenziale di crescita del territorio”: così l’assessore ai Servizi Educativi del comune di Città di Castello Rossella Cestini commenta i dati di Eduscopio a cura della Fondazione Agnelli.

Sulla base dei risultati ottenuti nel primo anno di Università, il rapporto dell’istituto di ricerca pone al secondo posto nel indirizzo specifico il liceo scientifico Plinio il Giovane, al terzo posto nella categoria dei tecnici ad indirizzo economico e al primo posto. Primo posto per tasso occupazionale l’indirizzo professionale dell’Istituto Ugo Patrizi Città di Castello dell’International Campus Patrizi Baldelli Cavallotti tra tutte le scuole professionali dell’Umbria.

“Nonostante il sistema scolastico sia uno dei comparti su cui gli effetti dell’Emergenza sanitaria si sono riverberati con maggiore incidenza, questi dati ci incoraggiano a guardare avanti, quando passata la pandemia, potremmo ricominciare dal riconoscimento di queste eccellenze la scuola in presenza, che rimane un vettore insostituibile nella trasmissione del sapere e nella costruzione di competenze relazioni solide. Voglio rinvolgere un ringraziamento particolare a chi si è impegnato per migliorare quotidianamente la qualità delle nostre scuole, i dirigenti, i docenti e tutto il personale ausiliario tecnico ed amministrativo. Alla loro professionalità e alla loro passione si devono i lusinghieri risultati che la Fondazione Agnelli ha certificato ma che ognuno di noi può osservare anche in questo frangente così critico. Tutti ci auguriamo che dalla didattica a distanza quanto prima si possa tornare in aula e che la scuola torni ad essere quel laboratorio di persone future che sintetizza la sua missione più autentica”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*