Covid, Umbertide, sindaco Carizia chiede incontro con assessore Coletto

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid, Umbertide, sindaco Carizia chiede incontro con assessore Coletto
Covid, Umbertide, sindaco Carizia chiede incontro con assessore Coletto

Covid, Umbertide, sindaco Carizia chiede incontro con assessore Coletto

Oggi la situazione nel Comune di Umbertide vede 43 guarigioni da Covid-19 e 57 casi di positività. Gli umbertidesi attualmente positivi sono 465 di cui 463 nelle loro case e 2 in strutture ospedaliere non in terapia intensiva.

Fonte Ufficio Stampa
Comune di Umbertide


Per quanto riguarda la situazione sanitaria ci sembra importante riportare le dichiarazioni della presidente della Giunta Regionale Donatella Tesei sulle scelte fatte dalla Regione e riportate nel corso dell’ultimo consiglio regionale, tenutosi il giorno 11 gennaio 2021: “Il picco, come dicono gli esperti, potrebbe arrivare fra due o tre settimane, un picco di ricoveri unito all’incognita della riapertura delle scuole. Dovremo essere pronti con la risposta ospedaliera e le cure domiciliari.
Il commissario per l’emergenza covid sta dando il via allo scenario 5, che prevede una risposta ospedaliera che vede coinvolti Pantalla e Spoleto, e il rafforzamento fino a 294 posti covid, il 15 per cento della rete. Non ci saranno ospedali solo dedicati al covid, non saranno chiusi pronto soccorso e saranno riconsiderate le prestazioni chirurgiche”.
A proposito delle prestazioni chirurgiche, anche la Chirurgia dell’ospedale di Umbertide è stata soggetta a rimodulazione, al pari di altre a livello regionale, con conseguenti rivisitazioni delle attività e con un ricollocamento del personale all’interno del centro vaccinale cittadino, di poliambulatori, altri reparti degli ospedali zonali ed Rsa.
Per parlare della situazione attuale e futuro dell’ospedale cittadino, il sindaco Luca Carizia ha chiesto un incontro con l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, per porre la massima attenzione e le più ampie garanzie sul mantenimento dei servizi sanitari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*