Covid-19, Bacchetta: “Dispiacere per la chiusura di bar e ristoranti alle 18”

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid-19, Bacchetta: “Dispiacere per la chiusura di bar e ristoranti alle 18”

“Aggiorniamo i dati con 15 positivi e 3 guariti. Nessuno dei positivi è ricoverato. Il nostro reparto COVID dell’ospedale è in saturazione. In Umbria la situazione è particolarmente difficile. E’ terza in Italia per contagio e l’emergenza regionale si ripercuote anche sulla nostra città. I nostri positivi sono in isolamento domiciliare contumaciale. Quindi il contesto attualmente non sembra destare particolare preoccupazione ma il contesto in cui ci muoviamo è indicativo di un momento di crisi. Città di Castello deve continuare, come sempre ha fatto, a rispettare le regole. Io sono molto soddisfatto dei miei concittadini. Ci è dispiaciuto sospendere appuntamenti importanti ma le nuove regole ci impongono la massima prudenza. Nel nuovo DPCM i bar e ristoranti dalle 18.00 dovranno essere chiusi. Anche questa decisione ci amareggia perché sappiamo quanto i nostri operatori abbiamo sofferto durante il lock down. Dopo la riapertura estiva, vedere che siamo punto a capo, ci dispiace perché investe un settore vitale della nostra attività economica. Anche questa mattina in centro c’erano tantissimi turisti, la gente ha voglia di vivere e di avere una sembianza di quotidianità normale. Ma gli esperti dicono che le misure restrittive sono necessarie. L’economia è importante quanto la salute perché senza un’economia che funziona anche la salute è a repentaglio. Non si deve morire di COVID ma non si deve morire neanche di fame”. Dichiarazione del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*