Bilancio positivo per la XX mostra di Arte Presepiale di Città di Castello

Bilancio positivo per la XX mostra di Arte Presepiale di Città di Castello

Bilancio positivo per la XX mostra di Arte Presepiale di Città di Castello

Un successo sotto tutti i fronti la XX° Mostra internazionale di arte presepiale di Città di Castello, che con l’Epifania ha archiviato l’edizione del ventennale, caratterizzata “da un incremento dei visitatori oltre quota 7000, l’ottanta per cento dei quali turisti, che attraverso i presepi hanno apprezzato la città” dichiara il presidente dell’Associazione Amici del Presepio “Gualtiero Angelini”, Lucio Ciarabelli, tracciando un primo bilancio della manifestazione: “Siamo riusciti a centrare gli obiettivi che ci eravamo posti, progettando un ventennale di qualità, in cui i nomi autorevoli dei presepisti e la novità delle installazioni parlassero più della parole.

E così è accaduto, aumentando le presenze sia nel numero che nel prestigio. Ospitare il cardinale Gualtiero Bassetti all’inaugurazione e ricevere la visita del prefetto Claudio Sgaraglia è stato motivo di grande orgoglio e un riconoscimento importante per il lavoro compiuto dai presepisti locali. In Italia esistono altre manifestazioni simili e ricche di opere ma nessuna espone un’intera sezione dedicata alla scuola napoletana e gli artisti più noti in un’unica sede come da venti anni propone la mostra di Città di Castello.

Il rapporto con Napoli è stato fondamentale per crescere ed ancora oggi costituisce un valore aggiunto del nostro evento, che lo rende unico in Italia. Il registro delle firme conferma inoltre l’enorme flusso esterno, circa l’80%, che sempre più spesso giunge da ogni parte d’Italia all’interno di tour organizzati per visitare la mostra.

Come presidente voglio ringraziare le istituzioni e la chiesa per il sostegno ma in particolare i volontari dell’associazione Amici del presepio, che quest’anno hanno selezionato e proposto delle installazioni spettacolari, come il presepe di Palazzo Vitelli a Sant’Egidio o l’opera all’ex Chiesa di Sant’Apollinare, disegnando un percorso di valorizzazione anche dei siti principali del centro storico. Coinvolti nella doppia veste di organizzatori e presepisti, gli artisti locali hanno saputo gestire la difficoltà di tre sedi aperte per oltre un mese e fare del ventennale un’edizione storica, dalla cui riuscita ripartire con slancio”.

Anche il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore al Turismo e Commercio Riccardo Carletti esprimono pieno apprezzamento per l’andamento della Mostra, sottolineando “sia il merito di aver riscoperto una tradizione popolare e sentita come il presepio umbro, valorizzandone lo stile e la scuola, sia  il ruolo di attrattore turistico durante il periodo delle festività natalizie per un target molto trasversale, interessato al presepio e alle mete d’arte. Un plauso particolare va al presidente Ciarabelli e agli amici del Presepio, che quest’anno hanno triplicato lo sforzo, offrendo un itinerario tra presepi e bellezze artistiche locali, e celebrando, al pari della sua qualità, i venti anni di vita della Mostra”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*