A Calzolaro e Montecastelli realizzazione di marciapiedi

A Calzolaro e Montecastelli realizzazione di marciapiedi e abbattimento delle barriere architettoniche, a breve inizio lavori

A Calzolaro e Montecastelli realizzazione di marciapiedi

Partiranno tra le fine di quest’anno e l’inizio del prossimo i lavori per la realizzazione di collegamenti pedonali nelle frazioni di Montecastelli e Calzolaro. A dirlo è stato l’assessore ai Lavori pubblici, Alessandro Villarini nel corso della seduta del Consiglio Comunale dedicata al Question Time rispondendo a una interrogazione del gruppo consiliare della Lega.


Fonte Ufficio Stampa
Comune di Umbertide


L’assessore ha specificato che in entrambi i casi i lavori riguardano interventi di abbattimento delle barriere architettoniche nelle due frazioni. Nello specifico a Montecastelli l’intervento consiste nella realizzazione di un marciapiede lungo viale Europa tra il distributore e via del Progresso, oltre ad un piccolo tratto per arrivare ad un attraversamento pedonale della SS Tiberina.

A Calzolaro invece il collegamento pedonale unirà il centro abitato con via dei Refari.

In tutti e due i casi si avrà particolare cura di quelli che sono gli attraversamenti pedonali e carrabili nel rispetto delle prescrizioni impartite dalla Provincia di Perugia ai fini stradali consentendo la realizzazione di detti marciapiedi a barriere zero.
I lavori, per l’importo complessivo di 180mila euro, finanziati con i fondi di cui alla legge 160/2019 integrati dalle risorse aggiuntive di cui al decreto ministeriale dell’11 novembre 2020, sono stati appaltati e una volta sottoscritto il contratto gli stessi potranno avere inizio, presumibilmente entro la fine dell’anno.
L’intervento di Montecastelli avrà un costo di 56mila euro, quello di Calzolaro di circa 67mila. Oltre alla restante parte che riguarda la prosecuzione dei lavori di abbattimento barriere architettoniche tra via Veneto e Piazza Mazzini per completare il progetto di collegamento pedonale a barriere architettoniche zero tra il Centro storico e l’ospedale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*