Un mulino del ‘600 ispirato al genio di Leonardo da Vinci è tornato in funzione

Un mulino del ‘600 ispirato al genio di Leonardo da Vinci è tornato in funzione

Un mulino del ‘600 ispirato al genio di Leonardo da Vinci è tornato in funzione

E’ tornato in funzione a macinare il grano e far fuoriuscire ottima farina dopo ben 22 anni dall’ultima attivazione il mulino dei “record” del ‘600 con un marchingegno ispirato al genio di Leonardo da Vinci di proprietà della stessa famiglia Serafini che se lo tramanda da secoli ancora intatto a disposizione della comunità locale e non solo per dimostrazioni e visite alle scuole. Un vero e proprio gioiello di ingegneria rinascimentale, incastonato fra i palazzi del popoloso quartiere della Madonna del Latte a pochi passi dal centro storico fra il verde delle natura, circondato dalle colline a fianco degli orti sociali che in caso di necessità rifornisce di acqua grazie all’invaso che serve a mettere in moto il mulino da sempre. Una struttura suggestiva, “mozzafiato”, che, dopo la seconda guerra mondiale, ha “sfamato” la città. Il mulino, al termine della guerra per un certo periodo era rimasto l’unico funzionante nella città in quanto gli altri che si trovavano nelle zone limitrofe, avevano subito bombardamenti che li avevano resi inutilizzabili. Il Mulino della Madonna del Latte si salvò dai bombardamenti per le sue caratteristiche strutturali che nascondevano la Pala Pelton, che, normalmente, veniva collocata all’esterno degli stabili, rendendo facilmente individuabili ed attaccabili i mulini. In questo caso, essendo la pala situata al di sotto dell’abitazione, rimaneva non visibile dalle contraerei, non facendo sospettare la presenza in quel luogo di un mulino da colpire.

Il Mulino ad acqua della Madonna del Latte, nel dopoguerra, dovendo sopperire alla funzionalità degli altri mulini distrutti dai bombardamenti, funzionava notte e giorno. Per sopperire all’insufficienza dell’acqua dovuta ad un utilizzo così intensivo, era stata aggiunta una seconda cinghia agganciata alla coppia conica e collegata ad un motore a scoppio situato all’esterno dello stesso Mulino; così facendo si poteva proseguire anche nel lavoro notturno.

“Questo mulino risale al ‘600 e funziona con gli ingranaggi a coppia conica di invenzione e disegno di Leonardo Da Vinci, che consentono il trasferimento dell’energia da orizzontale a verticale e viceversa, generando la rotazione della macina e la fuoriuscita della farina “, precisa con orgoglio il Professor, Maurizio Serafini, erede della dinastia proprietaria da sempre del mulino passato di mano negli ultimi secoli dal trisavolo Girolamo poi il bisnonno Annibale, il nonno Domenico e il babbo Renato, che lo hanno “coccolato” con un bambino assieme al figlio e al nipote Nicola, promotore oggi di una riuscita visita didattica dei bambini delle elementari e degli studenti del liceo.  La pala pelton, quella che viene direttamente colpita dall’acqua, che scende dall’invaso di raccolta chiamato “bottaccio”, risale a fine ‘800 e si tratta di una pala in ghisa, innovativa per l’epoca rispetto alla pala piana. La pala pelton era stata inventata nel 1880 dal carpentiere californiano Pelton ed essendo concava, sfruttava meglio l’energia dell’acqua rispetto alla pala piana. Questo mulino è rimasto in funzione a pieno ritmo fino alla fine degli anni ‘50, poi, con l’avvento dell’elettricità, si è trasferito operativamente presso la zona Ponte del Tevere, nell’attuale collocazione dei locali dell’impresa “Agricola Umbra”.

Il Mulino ad acqua di Via Madonna del Latte da quel momento è rimasto funzionante solo per usi didattici e rimesso in funzione solo occasionalmente, agli inizi degli anni ‘80, nel 2000 ed è stato riattivato in questo periodo del 2022.  La struttura viene messa in funzione raramente, perchè eventuali guasti rendono complessa e costosa la riparazione. Il Mulino ad acqua della Madonna del Latte è l’unico attualmente rimasto funzionante. “Si tratta di una dimostrazione dell’ingegno e abnegazione dei nostri predecessori. Gli ingranaggi a coppia conica di quel Genio dell’Umanità di Leonardo Da Vinci, furono inventati ed utilizzati la prima volta per risolvere il problema della collocazione della Cupola del Duomo di Firenze nella sua attuale sete. Vista l’efficacia di questo congegno per trasferire l’energia da orizzontale a verticale e viceversa, questo è stato utilizzato per i mulini ad acqua, sia per la lavorazione dei cereali che per altri usi di tipo industriale. Il bottaccio, invaso d’acqua che fornisce l’energia al mulino, è rimasto sempre funzionante utilizzato negli ultimi vent’anni come riserva d’acqua per gli Orti Comunali, grazie alle intuizioni dell’allora dirigente comunale,Gualtiero Angelini”, conclude il Professor Maurizio Serafini al termine della visita guidata alla presenza del sindaco di Città di Castello che l’ha definita “estremamente interessante per le giovani generazioni in grado di far comprendere loro il passato, la storia, le tradizioni e le attività legate alla cultura contadina ora più che mai da custodire con orgoglio per affrontare a testa alta le sfide de futuro”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*