Spacciatori stranieri arrestati dalla Finanza

 
Chiama o scrivi in redazione


Spacciatori stranieri arrestati dalla Finanza: spacciavano nell'Altotevere

Spacciatori stranieri arrestati dalla Finanza

Nell’ambito del dispositivo di contrasto ai traffici illeciti e allo spaccio di sostanze stupefacenti, predisposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia, i militari della Tenenza di Città di Castello hanno arrestato, nel comune di Umbertide, due cittadini albanesi. I due, a bordo di un’autovettura, erano fermi in un parcheggio alle porte della cittadina, quando sono stati affiancati da un altro veicolo, dal quale è sceso un giovane.

I finanzieri, insospettiti dal suo atteggiamento di circospezione e notato un veloce scambio attraverso il finestrino, sono immediatamente intervenuti per identificare i soggetti.

All’intimazione dell’alt, gli albanesi hanno tentato la fuga cercando di guadagnare l’uscita dal parcheggio. Prontamente bloccati, i due sono stati trovati in possesso di diverse dosi di sostanza stupefacente (verosimilmente cocaina), confezionate con cellophane termosaldato, e quasi 800 euro in contanti.

I due, senza fissa dimora, erano privi del permesso

Dai successivi approfondimenti, è emerso che i due, senza fissa dimora, sono privi del permesso A soggiorno. Ad uno A loro, gravato da precedenti specifici in materia di stupefacenti, lo scorso anno, è stata respinta la domanda di permesso di soggiorno richiesta per motivi turistici, con intimazione a lasciare il Paese entro 15 giorni dal diniego.

Disposto l’arresto dei due spacciatori

Il magistrato di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, informato dei fatti, ha disposto l’arresto dei due spacciatori e la traduzione presso il carcere di Capanne. L’operazione di servizio testimonia come sia sempre alta l’attenzione e continuo l’impegno della Guardia di Finanza in tutto il territorio della provincia per contrastare i fenomeni di illegalità che destano particolare allarme sociale, quali appunto il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*