Sabato 25 settembre la Divina Commedia in dialetto umbertidese

 
Chiama o scrivi in redazione


Sabato 25 settembre la Divina Commedia in dialetto umbertidese, una versione dal titolo "L'Inferno" di Luca Montanucci.
Ritratto di Dante Alighieri a Firenze

Sabato 25 settembre la Divina Commedia in dialetto umbertidese

Sabato 25 settembre alle ore 18:00, presso il chiostro di San Francesco verrà presentato il libro dal “L’inferno”, versione in dialetto umbertidese dalla Divina Commedia di Dante Alighieri. L’autore è l’umbertidese Luca Montanucci.
Il lavoro è pertanto la riscrittura dell’inferno, una delle cantiche dell’opera del sommo poeta, utilizzando il dialetto umbertidese, che Dante già conosceva e ha citato nel suo “De Vulgari Eloquentia”, escludendolo allora però, perché ritenuto non adatto.
Il tempo, l’istruzione, le relazioni sociali, hanno portato ad una evoluzione del nostro dialetto, e oggi, senza presunzione, l’avvicinamento fatto, tra dialetto umbertidese e Divina Commedia, ha portato ad un risultato che determina la comprensione del capolavoro dantesco, anche scritto nella “nostra lingua”.

LEGGI ANCHE – A Città di Castello si celebra Dante con E quindi uscimmo a riveder le stelle📸FOTO

L’obiettivo principale di questo libro, rivolto agli umbertidesi e non solo, è quello che possa rappresentare uno strumento utile a chi non si è mai avvicinato alla Divina Commedia, per diversi motivi, e costituire quindi un approccio più facile rispetto alla versione originale, ma allo stesso tempo avvincente e comprensiva. Non di meno, il libro costituisce una rilettura piacevole a chi si è addentrato già nei vari canti della Commedia.
Oltre all’autore saranno presenti la professoressa Giuseppina Bisogni e il professor Sestilio Polimanti. E’ obbligatorio esibire il Green Pass.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*