Momenti di panico a Trestina, 50enne tenta di lanciarsi nel vuoto, salvato

All’operatore ha urlato di volerla fare finita e che si sarebbe lasciato cadere nel vuoto

Momenti di panico a Trestina, 50enne tenta di lanciarsi nel vuoto, salvato

Momenti di panico a Trestina, 50enne tenta di lanciarsi nel vuoto, salvato

di Morena Zingales
***Si ringrazia il collega Carlo Stocchi
Un intervento delicatissimo quello che la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri hanno condotto questa mattina in località Trestina a Città di Castello. Alla Sala Operativa è giunta la segnalazione di una persona che ha riferito di vedere un uomo che stava tentando di scavalcare la finestra di un’abitazione. Poco dopo, la Sala Operativa ha ricevuto un’altra chiamata: stavolta, dall’altro capo del telefono, c’era l’uomo che era stato visto scavalcare la finestra.

La professionalità del poliziotto

All’operatore ha urlato di volerla fare finita e che si sarebbe lasciato cadere nel vuoto. La professionalità del poliziotto ha consentito di attuare immediatamente tutte le procedure operative: ha intessuto un dialogo con l’uomo – un 50enne italiano – e ha allertato, contemporaneamente, le Volanti del Commissariato di Città di Castello.

Giunti prontamente sul posto, gli agenti hanno individuato l’abitazione, si sono avvicinati ed hanno tentato di avviare un dialogo con l’uomo che, tuttavia, ha respinto ogni tentativo di contatto affermando di volere la presenza dei giornalisti.

In ausilio, sono intervenuti anche i Carabinieri di Trestina, insieme al Comandante della Stazione che ha coadiuvato i poliziotti nella gestione delle trattative. Dopo svariati tentativi di approccio e mediazione, strenuamente condotti dai poliziotti insieme ai carabinieri, gli agenti sono riusciti a raggiungere l’uomo. Afferrato saldamente e bloccato, è stato riportato al sicuro all’interno dell’abitazione. In buone condizioni di salute ma ancora in evidente stato di agitazione, l’uomo è stato affidato alle cure dei sanitari giunti sul posto su richiesta della Sala Operativa della Questura.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*