Matteo Salvini a Città di Castello incontra industriali e agricoltori

Qui nessuno chiede assistenza, aiutini o redditi di cittadinanza,

 
Chiama o scrivi in redazione


Matteo Salvini a Città di Castello incontra industriali e agricoltori

Matteo Salvini a Città di Castello incontra industriali e agricoltori

Matteo Salvini a Città di Castello incontra industriali e agricoltori: “Lasciamo libere le imprese di fare grande l’Umbria”. “Ogni volta che vengo in Umbria torno a casa più carico. Ci sono energie, giovani, imprenditori, agricoltori assolutamente eccezionali. Porto a casa un po’ di compiti da fare. È necessario lavorare sulle infrastrutture, in particolare E45, E78 e rilanciare la ferrovia.

Qui nessuno chiede assistenza, aiutini o redditi di cittadinanza, ma si chiedono infrastrutture, opportunità, logistica, trasporti, sicurezza e bisogna lasciar libere le imprese di fare grande l’Umbria. Sono orgoglioso di quello che donne e uomini stanno facendo nei Comuni che amministriamo in Umbria e nella Regione che ben governiamo”.

Lo ha detto il segretario federale della Lega Matteo Salvini a margine dell’incontro a Città di Castello nella sede della sezione Alta Valle del Tevere di Confindustria Umbria e presso il consorzio Trasformatori Tabacco Italia.

  • Presenti il candidato a sindaco Roberto Marinelli e i candidati consiglieri comunali della Lega, oltre al vicesegretario Lega Umbria, on. Riccardo Augusto Marchetti.

Matteo Salvini ha garantito l’impegno a portare le istanze di agricoltori e lavoratori all’attenzione di Gian Marco Centinaio, Sottosegretario con delega al tabacco.

“Questo è un distretto industriale e agricolo di eccellenza – ha detto Salvini- il lavoro della Lega va nella direzione di impedire qualsiasi aumento di tasse, perché l’incremento dell’Imu su capannoni, piuttosto che sulle case o sui negozi, sarebbe una mazzata per i territori. Il presidente Draghi ha avuto la fiducia della Lega impegnandosi a non aumentare le tasse e quindi contiamo che questo impegno venga mantenuto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*