Libertà per Patrick Zaki San Giustino chiede cittadinanza italiana

Studente 27enne egiziano del Master di studi di genere dell'Università di Bologna

 
Chiama o scrivi in redazione


Libertà per Patrick Zaki San Giustino chiede cittadinanza italiana

Libertà per Patrick Zaki San Giustino chiede cittadinanza italiana

Conferire la cittadinanza italiana a Patrick George Zaki. La richiesta arriva dal Consiglio comunale di San Giustino che, con 12 voti favorevoli del Gruppo di maggioranza e 3 astenuti della minoranza, ha approvato l’ordine del giorno presentato dalla Consigliera Camilla Sorchi, a nome di tutto il Gruppo di maggioranza San Giustino Domani, nel quale si chiede di conferire la cittadinanza italiana allo studente egiziano, così da tutelarlo ed avere a disposizione uno strumento concreto al fine di ottenere la sua immediata scarcerazione.

© Protetto da Copyright DMCA

Patrick Zaki, studente 27enne egiziano del Master di studi di genere dell’Università di Bologna, è stato arrestato all’aeroporto del Cairo il 7 febbraio 2020 e incarcerato ingiustamente con l’accusa di minaccia alla sicurezza nazionale. Da allora è stato sottoposto a giorni di torture ed elettroshock, e in seguito a detenzione preventiva fino a data da destinarsi.

L’intero Gruppo San Giustino Domani ci tiene a sottolineare che tale ordine del giorno, creato per tenere alta l’attenzione, promuovere e sostenere la richiesta della sua liberazione, sarà condiviso con tutte le scuole e le associazioni del territorio, nella speranza che ci sia l’occasione di approfondire le tematiche sui diritti umani e la libertà di espressione.

“Auspichiamo – dichiara la Consigliera Sorchi – che la nostra richiesta non sia vana e che Patrick, il quale potrebbe essere al posto di uno qualsiasi dei nostri cari a lui coetanei, venga trattato con umanità e liberato. L’indifferenza è l’arma peggiore, crediamo che si debba parlare di queste importanti tematiche riguardanti i diritti umani e civili, per cercare anche solo di dare un piccolo contributo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*