La Tana, presentazione film Beatrice Baldacci a Nuovo Cinema Castello

 
Chiama o scrivi in redazione


La Tana, la presentazione del film di Beatrice Baldacci a Città di Castello al Nuovo Cinema Castello, venerdì 6 maggio, alle ore 21:30,
Beatrice Baldacci – la giovane, promettente, regista tifernate – sarà al Nuovo Cinema Castello, venerdì 6 maggio, alle ore 21:30, per presentare il suo film d’esordio “La tana”
Partecipa all’incontro l’assessore Michela Botteghi.


Fonte Ufficio stampa
Cinema Zenith


La Tana di Beatrice Baldacci

Beatrice Balducci, regista di Città di Castello realizza la sua opera prima “La tana” attraverso la Mostra del Cinema di Venezia grazie a Biennale College, la sezione del festival che si occupa di selezionare e sviluppare “in casa” i progetti degli esordienti internazionali più meritevoli..



Nei giochi infantili, la tana è quel luogo sicuro in cui ci si rifugia per salvarsi o nascondersi da un avversario (ludico). A rincorrere Lia, giovane donna introversa, è la vita, a stanarla è Giulio, vicino di casa con una manciata di anni in meno. Le stagioni e l’esperienza che li separano si riducono con l’entusiasmo di chi scopre per la prima volta l’alba. Ma nella tana del titolo, Lia custodisce un dolore e un segreto.

SINOSSI DE LA TANA

Estate. Giulio aiuta i suoi genitori nella tenuta di campagna. Nel casale vicino, da molto tempo disabitato, sembrano essere tornati i proprietari. Si tratta della loro figlia, Lia, una ragazza tanto disinibita quanto introversa. Impone il proprio punto di vista su tutto senza possibilità di contraddittorio. Giulio se ne innamora. Ma Lia e quel casale nascondono un segreto.

Scheda tecnica del film La Tana

Regia di Beatrice Baldacci. Un film con Irene Vetere, Lorenzo Aloi, Hélène Nardini, Elisa Di Eusanio, Paolo Ricci (II). Genere Drammatico, – Italia, 2021, durata 88 minuti. Uscita cinema giovedì 28 aprile 2022 distribuito da PFA Films.



LA TANA

Estate. Giulio aiuta i suoi genitori nella tenuta di campagna. Nel casale vicino, da molto tempo disabitato, sembrano essere tornati i proprietari. Si tratta della loro figlia, Lia, una ragazza tanto disinibita quanto introversa. Impone il proprio punto di vista su tutto senza possibilità di contraddittorio. Giulio se ne innamora. Ma Lia e quel casale nascondono un segreto.

L’opera prima di Beatrice Baldacci fa scoprire una regista che ha davanti a sé la possibilità di un percorso interessante nel panorama del cinema italiano.

Servita purtroppo non completamente (forse a causa del non elevato budget) da una fotografia che, in particolare negli esterni diurni, non offre il giusto spessore alla tensione che attraversa tutto il film, Baldacci sa però come sfruttare al meglio la sceneggiatura.

Si dimostra infatti capace di dirigere i suoi due protagonisti consentendo loro di approfondire anche le più sottili stimolazioni che provengono dal copione. Sia Irene Vetere che Lorenzo Aloi costruiscono un progressivo avvicinamento e conducono a una scoperta (che è bene che lo spettatore venga a conoscere insieme a Giulio) che al contempo chiarisce e complica il loro rapporto. La Lia di Vetere è tanto apparentemente sicura di sé e incapace di sorriso da far comprendere che questi atteggiamenti sono solo la maschera di una fragilità interiore. Il Giulio di Aloi prova i tormenti dell’amore per qualcuno che sembra accendersi e spegnersi sadicamente a intermittenza e ne soffre come un adolescente (e non solo) può soffrirne.

Baldacci ne esplora i volti e i corpi trovando sempre la giusta misura finalizzata a costruire quell’attenzione nei loro confronti che nel cinema si traduce in una forma di rispetto per lo spettatore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*