Funerale di Gianmaria Ciampelli: “Ciao piccolo, ora insegna agli angeli a vincere”

 
Chiama o scrivi in redazione


Funerale di Gianmaria Ciampelli: “Ciao piccolo, ora insegna agli angeli a vincere”

“Un bambino gioioso, pieno di vita, sempre sorridente, amato da tutti ha sconvolto non solo la famiglia e gli amici, ma anche l’intera comunità”. Sono le parole di monsignor Domenico Cancian durante l’omelia nel funerale Gianmaria Ciampelli, il piccolo di 5 anni deceduto nella piscina di un agriturismo dove stava frequentando dei centri estivi. Un cuscino della Juventus e una maglia della squadra bianconera erano appoggiate sulla piccola bara bianca circondata di gigli.

“La consolazione più grande è il fatto che il buon Dio stringe oramai Gianmaria fra le sue braccia con amore di padre e madre. Vogliamo crederlo in questo momento di preghiera nella quale rinnoviamo il sacrificio della Pasqua di Gesù” – ha detto ancora. Lo stesso Signore asciugherà ogni lacrima dagli occhi di coloro che piangono. In particolare, la Madonna addolorata sotto la croce di Gesù crocifisso, sicuramente comprenderà e sosterrà Maria Sole e Davide, i nonni e tutti noi.

Davide Ciampelli, il padre di Gianmaria, non ha mai smesso di fissare il feretro, e al termine della funzione religiosa, si è avvicinato all’altare dicendo: “Viviamo il giorno più buio della nostra vita, ma ti prometto Mariasole, in questa chiesa dove ci siamo sposati e davanti a Gianmaria, che noi resisteremo e che Michelangelo avrà dei genitori felici, non come prima, ma ancora felici. In questi anni – ha aggiunto Ciampelli – mi sono reso conto di una cosa, di avere vicino a me, vicino a noi qualcosa di speciale, che non fa parte di questo mondo: il nostro Giammi’…”.

Tantissimi i tifernati hanno seguito la funzione da piazza Gabriotti, stringendosi intorno ai genitori. Dalle Marche sono arrivati i giocati del Porto D’Ascoli, squadra allenata da Ciampelli. C’era anche il presidente del Perugia, Massimo Santopadre, il sindaco Luciano Bacchetta con la fascia tricolore e tutti i ragazzi dell’Atletica Libertas, società dove era iscritto in piccolo e poi i vertici di società sportive, associazioni e rappresentanti del mondo politico e industriale. Numerosi anche i bambini con i genitori. Un lungo applauso ha accompagnato all’uscita il feretro durante la discesa dal duomo con dei palloncini colorati che volavano in cielo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*