E45 e viadotto Puleto, l’appello dei sindaci: “Necessario ripristinare la Tiberina 3Bis”

 
Chiama o scrivi in redazione


E45 e viadotto Puleto, l’appello dei sindaci: “Necessario ripristinare la Tiberina 3Bis”

E45 e viadotto Puleto, l’appello dei sindaci: “Necessario ripristinare la Tiberina 3Bis”

I sindaci dei Comuni attraversati dalla E45 nel tratto tra Altotevere, Valtiberina e Alto Savio ieri mattina, 3 anni dopo la chiusura del viadotto Puleto nella E45, si sono ritrovati lì per lanciare un appello, inderogabile, al Governo.


Fonte: Profilo Facebook Comune di Sansepolcro


Un appello unitario alla politica e al Governo affinché sia ripristinata la viabilità della Tiberina 3bis (chiusa da anni), in quanto unica alternativa alla E45. E’ quello lanciato sabato mattina da un gruppo di sindaci della Valtiberina e dell’Alto Savio a nome dei Comuni di Sansepolcro, Pieve Santo Stefano, Bagno di Romagna, Sarsina, San Giustino, Verghereto e Città di Castello.

Si sono riuniti alla stazione di servizio di Verghereto per chiedere a gran voce che si intervenga su questa importante arteria stradale e che la Politica passi finalmente dalle parole ai fatti. Sono passati tre anni esatti dal sequestro del Viadotto del Puleto, che ha danneggiato pesantemente la comunità, l’economia e il turismo.

“In questi anni – hanno detto i sindaci – abbiamo cercato un confronto con tutti i referenti possibili, ricevendo rassicurazioni, ma niente è stato ancora fatto”. Il sindaco di Sansepolcro Fabrizio Innocenti ha parlato sia come sindaco, seppur in carica da pochi mesi, che come imprenditore, sottolineando come l’immobilità di questa situazione sia un grave freno allo sviluppo della vallata e delle aziende.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*