Convenzione Edarco, Lignani Marchesani su gestione parcheggi

 
Chiama o scrivi in redazione


Convenzione Edarco, gestione parcheggi: interrogazione di Marchesani

Convenzione Edarco, Lignani Marchesani su gestione parcheggi

Premesso che è in essere con la Società EDARCO una convenzione di durata trentennale con scadenza nel 2027 per la gestione dei parcheggi a pagamento del Comune di Città di Castello; che detta Convenzione è stata recentemente modificata con condizioni palesemente più favorevoli a detta Società con Deliberazione del Consiglio comunale, e con voto contrario del sottoscritto, che prevede la sensibile diminuzione del canone dovuto al Comune dietro la “restituzione” al medesimo degli spazi sotterranei nell’area antistante la Coop sostanzialmente da sempre inutilizzati;


Fonte Ufficio Stampa
Comune di Città di Castello


che non paga di ciò la società Edarco ha aumentato del 10 per cento la tariffa oraria delle strisce blu creando un caso unico di minori entrate al Comune contestuale a  una crescita della pressione extratributaria per i cittadini tifernati; che con determina dirigenziale n.1279 del 16 novembre 2021 il Comune autorizza un piano di rientro delle enormi morosità della società Edarco ammontanti ad euro 293.368,07, come si evince dalla succitata determina, limitato a 207000 con rateizzazione e pagamento di una prima tranche di 117000 esclusivamente dietro accettazione del Comune della proposta.

Per queste ragioni il consigliere, Andrea Lignani Marchesani, interpella la giunta, a) sulle motivazioni che hanno portato alla modifica della convenzione in senso più favorevole alla società EDARCO in simili ed inaccettabili condizioni di morosità; b) sulle motivazioni che hanno portato ad accettare un simile piano di rientro; c) sulla necessità di intimare immediatamente alla Società EDARCO il pagamento immediato anche dei rimanenti 86368,07 euro; d) sulla considerazione che con una simile morosità il Comune avrebbe avuto maggior giovamento dalla gestione diretta dei parcheggi; e) sull’ammontare delle sanzioni riscosse comminate dagli ausiliari del traffico nel periodo corrispondente alla morosità e sul perché il Comune non abbia sospeso l’erogazione della percentuale di dette sanzioni dovute ai sensi della Convenzione  alla Società Edarco; f) sul perché non si sia sfruttata l’evidenza della grave morosità della società medesima per denunciare la convenzione e provvedere in maniera indipendente alla formulazione di un nuovo piano del traffico per il centro storico; g) sulla necessità di provvedere all’immediata risoluzione della convenzione nel caso l’Edarco non versi in tempi congrui l’intera somma dovuta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*