Al via la stagione teatrale del Teatro San Fedele di Montone

Amarcorti, primo appuntamento a Montone venerdì 8 luglio

Residenze Instabili spegne la sua quinta candelina e per questo importante e decisivo compleanno presenta al suo pubblico la stagione teatrale del Teatro San Fedele di Montone. In un periodo di crisi di contenitori culturali, di ristrettezze e tagli in questo settore, l’Associazione è riuscita nell’incredibile intento non solo di mantenere ma addirittura di aumentare l’offerta in programma. Residenze Instabili ha alle spalle un lustro di duro ma gratificante lavoro, un lavoro di squadra che cresce sempre di più.

Reduci dal successo della quarta stagione gli organizzatori hanno riproposto, anche per quest’anno una stagione eclettica e ricca di diversi linguaggi scenici che ben rappresenta e sintetizza l’ideale artistico dell’associazione. Il cartellone prevede otto spettacoli, cinque in abbonamento e tre fuori abbonamento.

Come sempre un’attenzione sia nei confronti del teatro classico che di quello più sperimentale e di ricerca fino alla danza sempre presente nel cartellone, quest’anno espressione del tratto creativo di Catia Torrioli, co-fondatrice dell’Associazione.

Non per ultimo uno sguardo alle produzioni di rilievo territoriale. Inizio stagione sabato 15 novembre “Gioco di specchi” di Stefano Massini, regia Ciro Masella, un irresistibile duello teatrale fra due figure leggendarie, quella di Don Chisciotte e di Sancho Panza, alle prese con il segreto dell’esistenza e le domande che attanagliano ogni essere umano. Sabato 13 dicembre il pirandelliano “Il berretto a sonagli” per la regia di Marcello Andria.

Sabato 24 gennaio è la volta di “Bignè – Quando l’amore è Čechov” liberamente tratto da “L’orso” di A. Čechov per la regia di Daniele Menghini, una favola assurda in cui non è possibile piangere, non si può essere tristi, in cui anche l’amore sembra essere una condanna; dove anche il dolore e il lutto vengono celati grottescamente dietro l’amarezza di grandi sorrisi.

Sabato 21 Marzo è la volta di “La favola di un’altra giovinezza” ispirato a “Un’altra giovinezza di Mircea Eliade” per la regia di Eliana Cantone, una fiaba dell’eterno ritorno alla rovescia, epica e metafisica, dalla struttura circolare, una riflessione sul tempo e sull’eternità. Finiamo sabato 28 marzo con “#Selfiecontrol” ideazione e coreografia Catia Torrioli con i danzatori di Quartiere in Movimento. A Narciso non basta più lo specchio d’acqua.

Il nostro bisogno di immaginarci e di dover apparire per essere ci porta via dallo specchio per inventarci anche il riflesso. Cavallo di razza della stagione lo spettacolo fuori abbonamento “Le dolenti note” della Banda Osiris che con il loro furore dissacratore tratteggeranno un ritratto impietoso sul mestiere stesso del musicista.

Gli altri due spettacoli fuori abbonamento vedranno protagonisti il 28 novembre “Il bongo sul pulmino” prodotto dal Centro Accoglienza Diurno che attraverso percorsi individuali condivisi con l’utente si pone come luogo intermedio tra isolamento e socializzazione e domenica 8 febbraio, per il teatro ragazzi, la produzione de Il Castellaccio “Quella magica melodia” Tutti gli spettacoli iniziano alle 21:00 tranne il teatro ragazzi previsto alle ore 17:00 Il botteghino del teatro resterà aperto dalle ore 20.00 della stessa serata dello spettacolo. Seguiteci su www.teatrosanfedele.it e sulla pagina di facebook Teatro San Fedele Montone Per info tel. 3391154535 – 3394543372

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*