L’Alto Tevere piange i suoi giovani, funerali di Nico e Luana 📷📹 [Foto e video]

Due bare bianche per due dei quattro ragazzi morti nell'incidente

L’Alto Tevere piange i suoi giovani, funerali di Nico e Luana

L’Alto Tevere piange – Si sono celebrati i funerali di Luana Ballini e Nico Dolfi, 17 anni lei 22 lui. Due, dei quattro giovani, morti nel tragico incidente tra venerdì e sabato notte scorsi. Folla immensa e due bare bianche, la morte non li ha risparmiati, la strada gli ha strappato la vita. I funerali di Luana sono stati celebrati nella chiesa di Monte Santa Maria Tiberina.

«Tutti dovrebbero provare la gioia di avere una figlia come te», è solo uno dei passaggi più dolorosi della lettera che i genitori di Luana, hanno affidato al parroco verso la propria creatura.

La sindaca Letizia Michelini con una ordinanza aveva disposto, per oggi, la proclamazione del lutto cittadino, in quanto la drammatica notizia ha colpito profondamente l’intera comunità montesca che subito si è stretta intorno ai familiari della vittima.



L’ultimo saluto, invece, Città di Castello lo ha dato a Nico Dolfi – con una mezz’ora di scarto sull’inizio – nella chiesa di nella Chiesa di Riosecco. Anche nella Capitale dell’Alto Tevere il sindaco aveva emesso una ordinanza con la quale ha ordinato l’esposizione a mezz’asta.

Funerale Luana Ballini

Alla fine della cerimonia gli amici della parrocchia hanno parlato di Nico ”Un amico, di quelli veri” hanno detto, tutti simbolicamente in piedi vicino al microfono.

Una amica della famiglia ha letto la poesia ”La morte non è niente” di Henry Scott Holland, su richiesta della mamma, mentre alla fine è stata letta una lettera scritta dai genitori. ”Quando sei arrivato tu è stato l’inizio di tutto. Sei il nostro primo pilastro e meraviglia. Grazie per quello che hai insegnato ai tuoi fratelli e a noi. Grazie per esser sempre solare e così trascinatore. Sei stato un figlio splendido e fratello maggiore… Grazie per il tuo Amore grande”.



I quattro ragazzi erano stati a una festa di compleanno nella zona e si erano poi messi in viaggio con una Fiat Punto verso Sansepolcro per raggiungere altri amici in discoteca. La vettura all’altezza di San Giustino Umbro, un paesino a pochi chilometri da Sansepolcro, è uscita di strada. Lo schianto è avvenuto poco dopo l’una, al termine di un lungo rettilineo, in via Umbra, in località Altomare. L’auto, in prossimità di una leggera curva, è prima finita in una cunetta e quindi contro il muro di contenimento di un ponte.

L’incidente si è verificato a pochi metri di distanza dal punto dove, nel dicembre del 1999, altri quattro giovani morirono. C’è una lapide che ricorda la tragedia di 23 anni fa, quando un’utilitaria finì contro un albero, causando il decesso di un ventenne e tre diciottenni. Un quinto ragazzo di 18 anni riuscì invece a salvarsi.

Per ricostruire quanto è accaduto sono al lavoro i carabinieri della compagnia di Città di Castello coordinati dalla procura di Perugia: la prima ipotesi è che la strada bagnata, e forse una eccessiva velocità, possano essere state le causa dell’incidente.

Alla guida della Fiat Punto prima finita in una cunetta e quindi contro il muro di contenimento di un ponte, c’era la ventiduenne Natasha Baldacci, secondo quanto ricostruito dagli investigatori. Il suo corpo dovrà essere sottoposto ad ulteriori esami, anche per stabilire le condizioni fisiche in cui si trovava al momento dell’incidente.

Ultimo saluto a due ragazzi morti nell’incidente in Umbria
A S. Maria Tiberina funerali di Luana, a Riosecco quelli di Nico

Le due comunità di Città di Castello e Monte Santa Maria Tiberina si sono strette oggi nel dolore, in occasione dei funerali di due delle quattro giovani vittime dell’incidente stradale avvenuto nella notte tra venerdì e sabato a San Giustino Umbro. Lacrime e strazio hanno accompagnato l’ultimo saluto a Luana Ballini, la 17enne morta assieme a Nico Dolfi, Gabriele Marghi e Natasha Baldacci nel tragico incidente. La piccola chiesa di Santa Maria Assunta, a Monte Santa Maria Tiberina, dove la ragazza viveva, ha fatto fatica a contenere i parenti, gli amici e i tanti semplici conoscenti di Luana. Sul volto dei genitori, Diana e Simone, lo strazio di un dolore che non passerà mai. Due amiche di Luana, al termine della messa officiata da don Adrian, hanno voluto ricordare questa ragazza “bella e solare”: “Grazie per tutto quello che ci hai insegnato, non ti dimenticheremo mai, sarai sempre con noi”.

Ma è la lettera scritta da uno dei genitori – letta dal sacerdote – a toccare le corde più profonde del cuore: “Bambolina, così ti ho sempre chiamato. Prima una dolce bambina e poi la ragazza dagli occhi limpidi come il cielo. Oggi più che mai, credo che il paradiso e il Padre esistano davvero, perché per quelli come te solo il paradiso può esserci…”. E continua: “Ho sempre pensato che fossi un angelo caduto dal cielo, un angelo che ha reso più bella la vita di chi ti ha, o semplicemente di quelli che ti hanno conosciuto…”.

E che Luana fosse una ragazza bravissima e ben voluta da tutti lo si ritrova nei racconti dei compagni di classe, negli amici d’infanzia e anche nelle persone più adulte di questo minuscolo paese dell’alta Umbria. “Era davvero una ragazza d’oro, intelligente e bravissima a scuola”, dice un anziano del posto mentre segue in piedi l’omelia del parroco. Omelia che ha affondato le radici bel ricordo che don Adrian ha voluto condividere con i genitori di Luana e con tutti i presenti, e cioè la perdita della sua mamma.

Il sacerdote ha parlato di “un dolore che non passerà mai”, ma da servitore di Dio ha chiesto di pensare “Luana nel posto più sicuro del mondo, tra le braccia del Signore”. A pochi chilometri da Monte Santa Maria Tiberina, a Riosecco di Città di Castello, sempre oggi pomeriggio si sono svolti anche i funerali di Nico Dolfi. Anche qui le esequie sono state accompagnate dalle lacrime delle tante persone accorse per l’ultimo saluto. Sono, invece, ancora da definire i funerali di Natasha e Gabriele, la coppia di fidanzati di Città di Castello.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*