Il duo Troussov-Troussova chiude la settimana del 53esimo Festival delle Nazioni

 
Chiama o scrivi in redazione


Il duo Troussov-Troussova chiude la settimana del 53esimo Festival delle Nazioni

Il duo Troussov-Troussova chiude la settimana del 53esimo Festival delle Nazioni

Sarà il duo composto dalla giovane stella del violinismo russo Kirill Troussov e dalla pianista Alexandra Troussova a chiudere questa intensa settimana della cinquantatreesima edizione del Festival delle Nazioni: nel concerto in programma sabato 29 agosto alle ore 21.00 al Teatro degli Illuminati di Città di Castello, i due fratelli russi proporranno un affascinante e articolato programma musicale che si muoverà tra i linguaggi di Čajkovskij e Schnittke, passando per l’appassionante Sonata a Kreutzer di Beethoven fino alla celeberrima Sonata in re maggiore di Prokof’ev. Merita una menzione speciale il violino di Kirill Troussov: è il famoso Stradivari ‘Brodsky’, sul quale fu eseguito per la prima volta il Concerto per violino di Čajkovskij.

Ricordiamo che il concerto è solo un ‘falso’ finale: quello ‘ufficiale’ della manifestazione è fissato per il 18 settembre 2020, e sarà affidato a Vinicio Capossela, che porterà a Città di Castello il suo Pandemonium.

La serata di Kirill Troussov e Alexandra Troussova comincerà con la Suite in the Old Style di Alfred Garriyevich Schnittke: datata 1972 nell’organico originale per violino e pianoforte, fu composta in realtà negli anni Sessanta in un periodo in cui il compositore in cerca di fortuna cercava di sbarcare il lunario scrivendo musica da film; e infatti due dei suoi movimenti, la Pastorale e il Balletto, provengono dal film comico Le avventure di un dentista, la serrata Fuga illustrava un documentario sportivo; mentre il Minuetto e la Pantomima animavano una serie di cartoni per l’infanzia.
 
Seguiranno due caposaldi del repertorio per violino e pianoforte: la Sonata per violino e pianoforte n. 2 in re maggiore op. 94a di Sergej Prokof’ev, composta in una prima versione per flauto e pianoforte nel 1942 e l’anno successivo, su richiesta dell’amico David Ojstrach, nella versione che ascolteremo.
E poi la celeberrima Sonata per pianoforte e violino in la maggiore n. 9 op. 47 di Ludwig van Beethoven, comunemente nota come Sonata a Kreutzer per la dedica al musicista e compositore francese Rodolphe Kreutzer: un’opera dall’estremo virtuosismo tecnico ed espressivo, che riscosse fin da subito una popolarità eccezionale, testimoniata anche dal romanzo breve di Lev Tolstoj Krejcerova sonata del 1889. 

In chiusura, il duo eseguirà Valse-Scherzo per violino e pianoforte in do maggiore op. 34 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, composto nel 1877 e in qualche modo considerato una prova generale del Concerto in re maggiore op. 35, composto l’anno successivo sempre nell’autoesilio svizzero di Clarens sul lago di Ginevra. 

Kirill Troussov si è formato sotto la guida di Sir Yehudi Menuhin, e oggi è largamente riconosciuto come uno dei maggiori violinisti della sua generazione. Collabora con le più rinomate orchestre ed è ospite regolare dei festival più prestigiosi. La stampa internazionale ne ha lodato l’eleganza, la tecnica impeccabile, l’eccezionale sensibilità musicale e la bellezza delle sue sonorità.
Ha ricevuto il premio Pro-Europa, lo Yamaha Prize, il Davidoff-Prize dello Schleswig-Holstein Musik Festival e numerosi altri premi in competizioni internazionali, che gli hanno permesso di poter suonare lo Stradivari ‘Brodsky’ del 1702, strumento con il quale Adolph Brodsky eseguì, il 4 dicembre del 1881, la prima assoluta del Concerto per violino di Čajkovskij.

Alexandra Troussova ha collaborato con direttori internazionali quali Lorin Maazel, Sir Neville Marriner, Gerd Albrecht, Joseph Suk, Kaspar Zendner, Arie van Beek, Wolfgang Gönnenwein, Michel Tilkin.
Si è esibita nelle più prestigiose sale da concerto, tra cui Konzerthaus Berlin, Prinzregententheater München, Kurhaus Wiesbaden, Concertgebouw Amsterdam, Théâtre du Châtelet, Théâtre des Champs Elysées, Auditorium du Louvre di Parigi, Opéra de Lyon, Tonhalle Zürich, Fundação Calouste Gulbenkian di Lisbona, Opéra de Monte Carlo, Conservatoire Royal de Bruxelles, Auditorio Nacional de Musica di Madrid ed è regolarmente invitata nei più importanti festival internazionali.

I biglietti per il concerto (intero 20 €, ridotto 15 €) sono in vendita online su vivaticket.it oppure nella biglietteria di Città di Castello (Teatro degli Illuminati, via Fucci 12) aperta dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00. Per informazioni ticket@festivalnazioni.com, 349 8092046 / 075 8555901.
© Protetto da Copyright DMCA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*