Città di Castello, ieri otto nuovi positivi e otto guariti, in totale i casi sono 311

 
Chiama o scrivi in redazione


Città di Castello, ieri otto nuovi positivi e otto guariti, in totale i casi sono 311

“I dati dell’Usl Umbria 1 ci dicono che ieri abbiamo avuto 8 nuovi positivi e 8 guariti, per cui il totale dei casi di Covid-19 a Città di Castello è di 311, con 300 persone residenti in isolamento domiciliare contumaciale, 11 ricoverate preso il reparto Covid dell’ospedale tifernate e nessuno in terapia intensiva”. Il sindaco Luciano Bacchetta ha aggiornato così stamattina la situazione dell’emergenza da Covid-19 a Città di Castello, osservando come stia continuando “il trend che dura da diversi giorni, con un numero di guariti simile a quello di nuovi positivi,un segnale abbastanza rassicurante”.

Il primo cittadino ha aggiornato anche il dato dei ricoveri per Covid all’ospedale tifernate, dove si trovano 46 persone, 7 delle quali in terapia intensiva. “Abbiamo sostanzialmente il nostro reparto e la nostra terapia intensiva Covid completamente occupati, uno dei segnali che non possono che destare qualche preoccupazione”, ha rilevato Bacchetta.

Il sindaco ha rinnovato le condoglianze alla famiglia del tifernate di 84 anni deceduto all’ospedale, “tra le 11 persone scomparse in Umbria ieri”. “Un dato questo dei decessi – ha detto –  che è l’aspetto più drammatico e inquietante dell’intera vicenda, visto che nella nostra regione ha raggiunto una quota abbastanza considerevole”. “L’indice Rt in chiusura di settimana era di 1,43, a segnalare una stabilizzazione della situazione, anche se per qualsiasi valutazione dobbiamo attendere che le nuove misure adottate nella trasformazione dell’Umbria da zona gialla a zona arancione siano sostanzialmente operative”, ha osservato il sindaco, richiamando l’attenzione sul fatto che a Città di Castello “la grandissima parte delle persone positive sono a casa, quindi con pochi sintomi o nessuno, ma c’è comunque una percentuale minima, non insignificante, di persone che devono ricorrere alle cure ospedaliere, un elemento che non possiamo ignorare”.

Bacchetta ha confermato che “stamattina è iniziato il trasferimento del ‘drive trough’ di via Vasari al parcheggio del Centro Servizi di Cerbara”. “Il lavoro sta procedendo celermente, per cui entro la settimana il nuovo servizio sarà operativo e consentirà un afflusso migliore, con maggiore tranquillità, in un’area più ampia di quella utilizzata oggi”, ha evidenziato il sindaco, che ha ringraziato “l’Usl Umbria 1, Sogepu e i tecnici del Comune, che stanno lavorando alacremente a realizzare la nuova struttura, e anche l’Anpas, al Gruppo Comunale di Protezione Civile e alla Croce Rossa Italiana, che sono in prima linea per questo obiettivo”.

Nel ricordare che “questi sarebbero stati i giorni delle fiere di San Florido, una tradizione che si è interrotta dopo moltissimo tempo per cause di forza maggiore perché vietate da provvedimenti del Governo che hanno confermato la scelta già fatta dall’amministrazione comunale a suo tempo”, Bacchetta ha anticipato: “stiamo lavorando per fare in modo che il prossimo Natale dia segnali di vitalità e di serenità nella nostra città, con la speranza che i nuovi dati diano indicazioni buone sull’andamento della pandemia”. “Vivere il Natale nel modo più sereno possibile è importante, perché è giusto guardare avanti dando segnali di speranza e ottimismo per il futuro”, ha concluso il sindaco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*