Allestiti per il pubblico gli spalti del palazzetto di San Giustino

 
Chiama o scrivi in redazione


Allestiti per il pubblico gli spalti del palazzetto di San Giustino

Allestiti per il pubblico gli spalti del palazzetto di San Giustino

Dopo un anno e quattro mesi, il palazzetto dello sport di San Giustino riaprirà finalmente le proprie porte al pubblico, che potrà seguire dagli spalti l’andata dello spareggio nazionale fra la ErmGroup e la Leo Shoes Casarano, che vale la promozione in Serie A3, in programma domenica 13 giugno con inizio alle 17.30. In base alle normative – come noto – l’accesso è consentito fino al 25% della capienza omologata dell’impianto, per cui significa che al massimo potranno essere presenti 500 persone.

© Protetto da Copyright DMCA

Nella serata di mercoledì scorso, gli addetti della società hanno posizionato i relativi cartoncini, sui quali sono stampati il logo della Pallavolo San Giustino e la scritta “Sedersi qui”. È stata completamente riempita, rispettando ovviamente il necessario distanziamento fisico, la tribuna con le poltroncine, mentre in quella opposta i cartoncini sono stati piazzati nella parte centrale.

LEGGI ANCHE – Pallavolo, ErmGroup San Giustino riprende allenamenti in vista del 2021

Non vi sarà controllo della temperatura e il pubblico, che potrà accedere da entrambi gli ingressi, dovrà assolutamente rispettare le due disposizioni chiave: indossare la mascherina e accomodarsi solo ed esclusivamente su uno dei posti segnati dal cartoncino.

Non vi è una numerazione, per cui il criterio che verrà seguito sarà quello dell’ordine di arrivo al palasport, quindi chi si presenta all’ultimo istante potrebbe rischiare di trovare i posti tutti occupati e quindi di non avere l’accesso, o comunque la probabilità di trovare il posto libero potrebbe essere molto bassa.

La Pallavolo San Giustino invita tifosi e appassionati a recarsi al palasport per sostenere la ErmGroup in una partita decisiva per la realizzazione del grande obiettivo del passaggio di categoria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*