Presidente dell’Anac Merloni alla giornata della trasparenza a Città di Castello

Presidente dell’Anac Merloni alla giornata della trasparenza a Città di Castello

Presidente dell’Anac Merloni alla giornata della trasparenza a Città di Castello

“Ancora oggi alcuni spezzoni della politica, dell’amministrazione e dell’economia vedono con fastidio la presenza di un’autorità indipendente ma ormai l’ANAC non è più una scommessa, è una realtà”: con queste parole il presidente dell’Autorità Anticorruzione Francesco Merloni ha ricostruito la storia dell’ANAC, ospite della Giornata della Trasparenza del comune di Città di Castello, organizzata in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti dell’Umbria. Insieme a Merloni è intervenuto Enrico Carloni, docente di Diritto Amministrativo all’Università di Perugia, consulente ANAC e ex assessore del comune di Città di Castello.

“I risultati dell’ANAC sono sotto gli occhi di tutti anche se c’è ancora molto da fare in Italia che ha un livello di corruzione diffuso. Nata sotto la spinta della pressione internazionale, che ci invitava a fare di più sul fronte della legalità, la storia di ANAC nasce con la legge Severino nel 2012 e con le norme sulla Trasparenza.

La semplificazione rendendo meno discrezionale l’elemento umano, è la strada maestra per prevenire e per tenere la luce della Casa di vetro della Pubblica Amministrazione sempre accesa. I cittadini devono avere la consapevolezza che la PA è al loro servizio e cura i loro interessi. La pubblicità degli atti permette di conoscere, controllare e formarsi un’opinione sulla qualità del funzionamento, sulle scelte che la Pa compie.

In questo senso la Trasparenza rafforza la democrazia e riduce il gap di fiducia tra istituzioni e cittadino”. All’incontro, presso la Biblioteca Carducci è intervenuto il sindaco Luciano Bacchetta e il segretario comunale Bruno Decente. Per l’Ordine dei giornalisti ha moderato e concluso l’incontro Sonia Montegiove, che ha parlato del sistema di open data della Regione Umbria Umbrialinked.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
30 ⁄ 1 =