Città di Castello, controlli alla circolazione stradale, 2 denunciati

Carabinieri controllano tutta l'Alta valle del Tevere, arresti e denunce

Città di Castello, controlli alla circolazione stradale, 2 denunciati

I Carabinieri della Compagnia di Città di Castello, anche nel trascorso fine settimana, sono stati impegnati in una meticolosa vigilanza del territorio, finalizzata tra l’altro al controllo della circolazione stradale per prevenire episodi di guida in stato di alterazione dovuto allo smodato abuso di alcolici o all’uso di stupefacenti.

Tali operazioni sono state messe in atto per venire incontro alle precise direttive impartite dal Ministero dell’Interno e del Comando Provinciale dei Carabinieri, anche alla luce dei recenti episodi che hanno visto persone ferite e decedute a seguito di incidenti stradali causati da persone che si erano poste alla guida non in condizioni ottimali.

I risultati non sono mancati in quanto due sono state le patenti di guida ritirate, ed altrettanti i conducenti denunciati alla Procura della Repubblica di Perugia, per aver guidato sotto l’influenza dell’alcol.

Nonostante le conseguenze penali ed amministrative i giovani  e non, anche durante la settimana e soprattutto in orario serale, si pongono frequentemente alla guida del proprio veicolo, dopo aver consumato alcolici, sottovalutando le pericolose conseguenze che tale condotta comporta, sia per se stessi, sia per gli atri automobilisti o pedoni.

Nel primo caso è stata l’andatura irregolare del veicolo che ha fatto scattare i controlli da parte dei Carabinieri della Stazione di San Giustino impegnati nel controllo del territorio; infatti, il conducente aveva un tasso alcolico di 1,51 g/l che, oltre al ritiro della patente, ha comportato anche il sequestro del veicolo ai fini della confisca. Nel secondo caso, i Carabinieri della Stazione di Umbertide sono intervenuti nel territorio del Comune di San Giustino ove, un giovane alla guida della sua auto non è riuscito ad evitare un veicolo regolarmente parcheggiato; anche in questo caso l’alcol è stato protagonista dell’incidente che poteva avere un epilogo tragico in quanto il conducente aveva un tasso alcolemico di 2,43 g/l; ben 4 volte superiore al minimo stabilito, così come hanno accertato i militari intervenuti.

Anche in questo caso, patente di guida ritirata e veicolo sequestrato ai fini della confisca.

I Carabinieri continuano a raccomandare la massima attenzione ed il rispetto delle norme del Codice della Strada, soprattutto in relazione all’uso di sostanze alcoliche o stupefacenti, nel momento in cui ci si mette alla guida.

Condotte dissennate possono, infatti, avere gravissime conseguenze, ben oltre le previste sanzioni pecuniarie e penali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*