Cardiologie aperte, screening gratuiti presso l’ospedale di Città di Castello


Scrivi in redazione

Cardiologie aperte, screening gratuiti presso l’ospedale di Città di Castello

Cardiologie aperte, screening gratuiti presso l’ospedale di Città di Castello

Torna “Cardiologie Aperte”, l’iniziativa organizzata da Anmco (Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri) insieme alla Fondazione Per il Tuo Cuore, ente di ricerca dell’Anmco, che si svolge ormai dal 2009 in occasione della settimana di San Valentino (quest’anno dall’8 al 16 febbraio), e che vede coinvolte numerose strutture della Usl Umbria 1 con screening gratuiti e distribuzione di materiale informativo, al fine di informare la popolazione sull’importanza della conoscenza dei fattori di rischio cardiovascolari al fine di ridurre l’incidenza futura di eventi cardiovascolari.

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte in Italia e nei paesi industrializzati. Lo scopo dell’iniziativa è proprio quello di sensibilizzare la popolazione in merito a queste malattie con medici e internisti a disposizione dei cittadini per promuovere insieme uno stile di vita che riduca i rischi di questo tipo di patologie.

Presso gli ambulatori dell’ospedale di Città di Castello, domenica 16 febbraio (dalle ore 9 alle ore 17) si potranno eseguire elettrocardiogrammi (senza prenotazione e fino a esaurimento del tempo a disposizione) e ricevere informazioni sulla prevenzione cardiovascolare supportata dal materiale illustrativo realizzato dalla Fondazione per il Tuo cuore (poster, brochure ecc). L’attività vedrà coinvolte anche alcune Associazioni di volontariato particolarmente attive ed efficienti nel territorio (Amici del Cuore di Città di Castello) e che da sempre sono vicine ai bisogni dei cittadini e delle cardiologie. L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla disponibilità di medici e infermieri delle unità operativa complessa di Cardiologia dell’ospedale di Città di Castello diretta dal dottor Adriano Murrone e alla sensibilità della direzione della Usl Umbria 1.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*