Visita guidata in Pinacoteca a Città di Castello con Studio Piesse

Visita guidata in Pinacoteca a Città di Castello con Studio Piesse
Michela Botteghi

Visita guidata in Pinacoteca a Città di Castello con Studio Piesse

Quest’anno, lo Studio Piesse di Città di Castello ha deciso di celebrare il Natale in modo diverso. Invece dei soliti pandori, panettoni o agende, i due giovani professionisti che gestiscono l’attività di consulenza e formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, Marco Marinelli e Lorenzo Perioli, hanno scelto di regalare ai loro cinque dipendenti una visita guidata in Pinacoteca.

La visita, che ha avuto luogo prima delle meritate festività natalizie, ha portato tutto lo staff a conoscere le opere e le leggende custodite nella Pinacoteca, accompagnati dalle operatrici della Cooperativa Il Poliedro. Questa iniziativa nasce dalla riflessione sul momento storico che stiamo affrontando, dove è più facile incrociare notizie negative che la bellezza di quanto ci circonda, come l’arte.

Marco Marinelli, rappresentante dello Studio Piesse, spiega che per difendersi e non essere travolti da tutto questo, è importante spostare la nostra attenzione al bello e alla bellezza. Per questo motivo, hanno deciso di dedicare un giorno alla bellezza, scegliendo una visita guidata alla Pinacoteca di Città di Castello, dove si può respirare storia, cultura e riempire gli occhi della bellezza delle opere d’arte custodite al suo interno.

L’assessore alla Cultura, Michela Botteghi, ha sottolineato come la visita dello Studio Piesse sia un segnale importante, che si aggiunge alle molte scuole, associazioni, club service che scelgono la Pinacoteca come cornice delle loro attività. Ha espresso la speranza che altri seguiranno questo esempio e che la specialità di questo regalo di Natale possa incuriosire anche i semplici cittadini a familiarizzare con il museo e le sue eccellenze artistiche.

In conclusione, l’assessore Botteghi ha espresso la sua soddisfazione per la piacevole visita, che forse inaugura un nuovo modo di pensare ai regali da mettere sotto l’albero di Natale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*