Primo giorno di scuola a Città di Castello, dirigenti, avvio ordinato e tranquillo

 
Chiama o scrivi in redazione


Primo giorno di scuola a Città di Castello, dirigenti, avvio ordinato e tranquillo

Inizio ordinato e tranquillo per le scuole di Città di Castello che oggi, lunedì 14 settembre 2020, hanno vissuto il primo giorno di un anno scolastico particolare, caratterizzato dalle misure a contrasto del Coranavirus. A visitare i vari plessi per portare il saluto dell’Amministrazione comunale: il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici e l’Assessorato ai Servizi educativi. “Le criticità sono tante” ha dichiarato la nuova dirigente dell’istituto comprensivo Alberto Burri di Trestina Stefania Migliorucci a pochi minuti dall’inizio dell’anno scolastico “L’emergenza non ha reso le cose facili ma io sono fortunata perché ho trovato collaboratori e una scuola meravigliosi, tutti, dai docenti ai genitori, ci stanno supportando oltre le nostro aspettative.

Stamattina sono tornati gli alunni e vedere le classi popolate è davvero una gioia. Per qualsiasi dubbio o domanda, ricordo che sito e bacheca del registro elettorionico sono il riferimento per le famiglie. Qui pubblicheremo anche una sezione di FAQ, delle domande più frequenti. C’è tanta disinformazione e per questo è importante dare un riferimento certo. Mi aspettavo qualche perplessità e polemica in più ed invece tutti hanno avuto un approccio molto positivo”.

Per la dirigente del Secondo Circolo Didattico La Tina Paola Avorio è stata “Una grandissima emozione, anche per noi adulti. L’avvio si è svolto in modo ordinato calmo, un ingresso tranquillo e senza ansia. Ora dobbiamo rispettare le piccole grandi regole che ci siamo dati ed essere pazienti perché alcuni meccanismi dovranno essere rodati e perché la sicurezza implica in alcuni casi tempi dilatati ma sapremo riprendere tutta l’organizzazione del passato. Voglio dare un messaggio di gioia e di serenità. Non dobbiamo trasferire le nostre ansie a loro e aiutarli a superare dopo tutti questi mesi qualche ansia loro e qualche timidiezza.

Per l’aspetto educativo e didattico continueremo con quello che si faceva in passato”. Massimo Belardinelli, dirigente del Primo circolo didattico San Filippo, ha parlato di “Una partenza impegnativa ma superiamo tutti i problemi quando vediamo i sorrisi di questi ragazzi. Sarà un anno impegnativo e ci vorrà qualche giorno di tempo per cambiare il modo di stare insieme a scuola. C’è comunque una grande collaborazione delle famiglie, che sono importanti perché i bambini guardano gli adulti e imparano da loro. Pazienza e collaborazione saranno due parole d’ordine fondamentali”.

“Tutti gli enti pubblici ed  il comune in primis è stato chiamato ad intervenire in una fase di convivenza con il Covid, dove tutte le regole dovevamo essere  adempiute” ha detto il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici. Una ripartenza che grazie alla collaborazione di tutti, sopratutto dirigenti, docenti e personale Ara, si è svolta serenamente. Il Comune ha adeguato in raccordo con le scuole gli spazi con investimenti affidati e realizzati rapidissimamente e ora sarà impegnato attraverso le squadre operative al monitoraggio e nella consultazione permanente; e’ un periodo in cui l’attenzione dovrà essere alta ma questa fase di emergenza consisterà con importanti investimenti di edilizia scolastica per circa per 6 milioni di euro, perché, oltre a gestire l’emergenza, dobbiamo gestire il futuro della scuola in sicurezza e modernità”.

Dall’Assessorato ai Servizi educativi hanno commentato: “Abbiamo visitato alcune scuole significative: la scuola di Trestina che ha un nuovo dirigente, a cui abbiamo augurato buon lavoro, e la primaria di Rignaldello che per configurazione ha presentato maggiori resistenza all’adattamento. Abbiamo interpellato anche gli altri dirigenti, che hanno confermato una partenza positiva. Il trasporto scolastico ha preso il via e la settimana prossima saranno riattivate le mense. Ricordiamo l’importanza di seguire le regole sempre anche nei giorni a seguire e di collaborare con le scuole per permettere una didattica in presenza e sicura”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*