Pietralunga, festeggiata la “Giornata dell’Albero”

L’impegno degli studenti del territorio per il futuro del nostro pianeta

 
Chiama o scrivi in redazione


Pietralunga, festeggiata la “Giornata dell’Albero”

Pietralunga, festeggiata la “Giornata dell’Albero”

“Chi pianta un albero rende il mondo un posto migliore”: con questo spirito gli studenti delle scuole di Pietralunga, in occasione della Giornata mondiale dell’Albero, hanno messo a dimora due alberi di roverella e un cerro, contribuendo a formare il grande bosco diffuso della legalità. Un gesto concreto per contrastare i cambiamenti climatici che rientra nel progetto nazionale “Un Albero per il Futuro”, promosso dal Ministero della Transizione Ecologica e dai Carabinieri della Biodiversità, al quale l’Istituto comprensivo del territorio ha aderito. L’intento di tale progetto è quello di portare nelle scuole un momento di riflessione sul tema della transizione ecologica e della tutela del nostro straordinario patrimonio boschivo.


Fonte: Provincia di Perugia


Così la Giornata dell’Albero, organizzata in collaborazione con il Comune di Pietralunga, ha portato le classi dell’Istituto a confrontarsi su temi importanti e di grande attualità: si è parlato infatti di cambiamento climatico, rispetto ambientale, biodiversità e legalità.

“E’ stato un momento importante – ha precisato l’amministrazione comunale – per sensibilizzare i ragazzi su tematiche così significative per il futuro del nostro Pianeta. Gli alberi sono in grado di contrastare efficacemente l’inquinamento atmosferico con un costo decisamente inferiore ad altri rimedi non naturali, per questo è un bene contribuire all’aumento della superficie verde. Desideriamo ringraziare tutti gli studenti, gli insegnanti e la Dirigente scolastica Paola Avorio, che hanno collaborato alla realizzazione dell’iniziativa. Un grazie ai carabinieri forestali promotori della giornata, in particolare al  Maresciallo Luca Giunti accompagnato dal collega Antonello Cesari, e a tutti coloro che sono intervenuti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*