Nardi, scongiurati i licenziamenti, firmato l’accordo per la Cigs

Nardi, scongiurati i licenziamenti, firmato l’accordo per la Cigs

Nardi, scongiurati i licenziamenti, firmato l’accordo per la Cigs

È stato firmato oggi al ministero del Lavoro l’accordo per la Cigs alla Nardi di San Giustino, per il periodo 15/4/2019 – 14/4/2020. “Grazie all’impegno sindacale e alla determinazione dei dipendenti sono scongiurati tutti i licenziamenti – affermano in una nota Fim, Fiom e Uilm di Perugia – e l’azienda revoca le procedure di riduzione di personale avviate a dicembre 2018. Ora – proseguono i sindacati – il prossimo obiettivo è l’ottenimento dell’omologa del concordato, per la quale è prevista un’udienza in luglio.

Intanto, l’azienda sta terminando nei tempi previsti l’importante commessa per l’Eritrea e sta intensificando l’azione a livello nazionale ed internazionale per acquisire nuove commesse tali da stabilizzare i volumi produttivi e garantire i livelli occupazionali attuali”, concludono Fim, Fiom e Uilm.

“Un forte segnale di attenzione dimostrato nei confronti di un’azienda che ha fatto la storia economica dell’intero territorio e non soltanto del nostro Comune”. Così il sindaco di San Giustino, Paolo Fratini, ha commentato con soddisfazione l’avvenuta firma dell’accordo che prolunga di un altro anno esatto, dal 15 aprile prossimo al 14 aprile 2020, la cassa integrazione alla Nardi macchine agricole di Selci Lama. Non solo: scongiurati tutti i licenziamenti, l’azienda ha revocato le procedure di riduzione del personale avviate lo scorso dicembre e ora – si apprende sempre da Cgil e sindacati – il prossimo obiettivo sarà l’ottenimento dell’omologa del concordato, con udienza prevista in luglio. “Il mantenimento del personale è un altro aspetto chiave da evidenziare – prosegue Fratini – perché significa che i livelli occupazionali non sono stati toccati e che nell’arco di un anno la Nardi potrà andare alla ricerca di nuove commesse in ambito sia nazionale che internazionale e quindi ampliare il proprio mercato per poter proseguire la sua attività in condizioni migliori”. Attualmente, l’azienda è impegnata nel consegnare nei tempi stabiliti una importante fornitura destinata all’Eritrea e la ricerca di nuovi mercati potrà consentire una stabilizzazione dei volumi produttivi, che diventa una garanzia anche per le maestranze. “Importante, per il raggiungimento di questo risultato – conclude Fratini – è stato il lavoro portato avanti fra le amministrazioni e le istituzioni pubbliche e di questo debbo dare atto anche al mio collega sindaco Luciano Bacchetta di Città di Castello”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*