La moda scolpita, Rometti presenta la nuova collezione con Roberto Capucci

 
Chiama o scrivi in redazione


La moda scolpita Rometti presenta nuova collezione con Roberto Capucci

La moda scolpita, Rometti presenta la nuova collezione con Roberto Capucci

Rometti continua il suo viaggio poliedrico fatto di collaborazioni con i grandi maestri delle arti. Un plurale che sottolinea la volontà del marchio di alto artigianato ceramico di creare ponti e connessioni fra mondi diversi per aprire nuovi orizzonti. Dopo Kenzo Takada e Chantal Thomass, Rometti torna a creare pezzi iconici con una grande leggenda della moda: lo scultore della seta Roberto Capucci.

Fonte: Comune di Umbertide
e Fondazione Cologni

“La collaborazione con Rometti è nata da un incontro di menti e cuori avvenuto nel suo terrazzo romano di 200 rose, organizzato dalla mia amica di vita Nicoletta Giannoni – racconta Massimo Monini, CEO di Rometti – L’abilità di leggere dentro Capucci, la sua estrema lucidità artistica, il suo amore per il bello e la storia unica di Rometti sono stati il terreno fertile su cui questo rapporto è fiorito, portando profumi inediti e sfide che inebriano di nuova linfa il giardino della vita”.

La collezione, disegnata da Roberto Capucci e realizzata dal direttore artistico Jean-Christophe Clair, prodotta da Rometti nel 2021, è composta da venti opere, vasi e centrotavola, ispirati a diversi modelli di abiti del maestro. La collezione, in argilla e smalti, è interamente realizzata e decorata a mano. In dialogo con i preziosi abiti dello stilista e con alcuni dei suoi straordinari disegni, attraverso i quali si esprime tuttora vivissima la creatività di Capucci, la collezione di sculture in ceramica da lui disegnate e realizzate da Rometti viene mostrata in anteprima in un evento unico dedicato alla figura del maestro. La Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte presenta “Metafore. Roberto Capucci: meraviglie della forma”, presso la Quadreria di Triennale Milano (17 novembre 2021 – 9 gennaio 2022). Curata da Gian Luca Bauzano, in collaborazione con la Fondazione Roberto Capucci e la manifattura di ceramiche Rometti, l’esposizione -dopo Mirabilia, Vitrea e Fittile – è la quarta del ciclo “Mestieri d’Arte & Design. Crafts Culture”, nato dalla collaborazione tra Triennale Milano e Fondazione Cologni: un progetto dedicato a sostenere e promuovere l’eccellenza artigiana in Italia.

“Metafore. Roberto Capucci: le meraviglie della forma” si propone di raccontare e mettere in scena l’opera di uno dei grandi protagonisti della moda italiana, artefice e artigiano già giustamente celebrato, con uno sguardo speciale e inedito. Antesignano della contemporaneità, Roberto Capucci è sempre stato innovatore e sperimentatore. I suoi abiti destano ammirazione e fanno scalpore, sfilano sulle passerelle di tutto il mondo e sono presenti nei musei e nelle istituzioni d’arte più importanti, dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma alla Schauspielhaus di Berlino, da Palazzo Strozzi a Firenze al Kunsthistorisches Museum di Vienna, fino alla Biennale d’Arte di Venezia: un momento fondamentale, che segna l’ingresso della Moda nel tempio dell’Arte.

La manifattura Rometti si afferma ancora una volta come fucina per la sperimentazione a disposizione di nomi leggendari e giovani artisti, grazie all’impegno del titolare Massimo Monini e del direttore artistico Jean-Christophe Clair, che racconta così il suo primo incontro con Capucci: “Quando io e Massimo siamo entrati per la prima volta a casa sua, Roberto Capucci aveva già disegnato almeno 100 idee di vasi ispirati ai suoi vestiti per la nostra collezione insieme, e aveva disposto i fogli lungo tutta la seduta e lo schienale. Abbiamo selezionato i migliori, e da lì è partita una delle nostre più grandi sfide: ho reinterpretato i bozzetti dello stilista e ho voluto realizzare il suo sogno enfatizzando le forme movimentate e dando un’identità sculturale. Con lui abbiamo tradotto i vestiti in architetture monumentali, scelto i colori che rappresentassero di più la sua storia e dato vita a oggetti strepitosi”.

Rometti vi invita a partecipare a questo viaggio che unisce le arti e a scoprire il risultato di una collaborazione destinata a rimanere nella storia.

L’esposizione sarà aperta al pubblico con ingresso libero dal 17 novembre 2021 al 9 gennaio 2022. Il catalogo della mostra verrà offerto a tutti i visitatori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*