La Lega sbanca anche in Altotevere, le parole di Riccardo Augusto Marchetti

La Lega sbanca anche in Altotevere, le parole di Marchetti

La Lega sbanca anche in Altotevere. Le parole di Riccardo Augusto Marchetti

“Oltre il 43% a Città di Castello, il 39% a Umbertide, 35% a Montone e quasi il 44% a Pietralunga: sono solo alcuni degli splendidi risultati ottenuti dalla Lega nei Comuni dell’Altotevere. Un risultato che premia il lavoro quotidiano svolto a contatto con il territorio e che conferma la fiducia che i cittadini hanno nei confronti della Lega, unico partito in grado di garantire il cambiamento nei fatti e non nelle parole”.

A commentare gli ottimi risultati conquistati dalla Lega in Umbria e nel territorio alto tiberino è l’On Riccardo Augusto Marchetti che prosegue: “In questi pochi mesi di governo abbiamo concretizzato numerose proposte tra cui la Quota100, il blocco degli sbarchi e la legittima difesa e i cittadini hanno riconosciuto in noi delle persone oneste, competenti e capaci, ma soprattutto rispettose delle promesse fatte.

Allo stesso modo è stato premiato il buon lavoro fatto a Umbertide dalla Lega e dal sindaco Carizia che in meno di un anno aumenta notevolmente i consensi, così come a Città di Castello e nel resto dei comuni i cittadini hanno espresso l’esigenza di liberarsi dalla zavorra rappresentata dai partiti di sinistra e affidare alla Lega il compito di riportare l’Umbria dove merita di essere.

Complimenti all’amico Enea Paladino, primo cittadino di Citerna e a Corrado Belloni, militante storico della Lega che ha registrato un record di preferenze. Complimenti anche ad un’ottima Lucia Vitali che ha tenuto testa ad un sindaco uscente. Abbiamo solo iniziato un lungo percorso che ci porterà fino alle regionali che vedranno ancora una volta la Lega protagonista. È solo una questione di tempo prima che lo tsunami Lega che ha travolto la regione arrivi anche in tutte le amministrazioni locali!! Ora sotto a lavorare per la regione e per strutturare il partito in maniera ancora più capillare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*