La Ermgroup San Giustino vince 3-1 in trasferta contro il Prato

 
Chiama o scrivi in redazione


 La Ermgroup San Giustino vince 3-1 in trasferta contro il Prato

La Ermgroup San Giustino vince 3-1 in trasferta contro il Prato

  • PRATO

Funziona bene la ErmGroup San Giustino in formato… export. Terza trasferta stagionale e terza vittoria piena, che consente ai biancazzurri di riacciuffare il terzo posto in coabitazione nella classifica del girone F del campionato di Serie B maschile. Un’impresa, quella di Prato, che ha molte similitudini con quella ottenuta a Castelfranco di Sotto, vedi lo stesso risultato (3-1), la stessa dinamica, ovvero reazione dopo il primo set perso e soprattutto lo stesso carattere, ben combinato con una ricezione aggiustata sempre più (e che invece è stata il punto debole dei locali), con una difesa a tratti fondamentale e con un attacco che ha avuto in Rinaldo Conti e Nico Cipriani i due straordinari interpreti di turno: ben 33 punti per il primo e un eccellente score di 21 per il secondo.


Fonte Ufficio Stampa
Pallavolo Ermgroup San Giustino


Il Prato ha fatto leva anch’esso sulla difesa, molto attenta all’inizio e in più di un frangente, affidando le soluzioni offensive all’opposto Andrea Catalano (23 punti e una battuta potente, ma poi disinnescata) e al laterale Matteo Alpini (20), che tuttavia alla distanza hanno dovuto cedere alla maggiore solidità dimostrata dalla compagine di Bartolini, brava tanto nel costruirsi i margini di vantaggio quanto nel saper ben gestire i cambi palla.

Mirko Novelli, allenatore del Prato, schiera la diagonale Corti-Catalano, al centro Coletti e Bruni, in posto 4 Alpini e Bandinelli e libero Civinini. Risponde Marco Bartolini con Sitti in regia, Cipriani opposto, Muscarà e Stoppelli al centro, Conti e Skuodis alla banda e Marra libero. L’ace di Catalano (3-1) dà il primo piccolo strattone al match, subito rintuzzato da Conti e Cipriani, ma i padroni di casa difendono alla morte e si riprendono il +2, anche se sugli sviluppi di una efficace battuta di Cipriani è Conti a firmare il vantaggio (8-7) in pipe. Il punteggio scorre in altalena: ace di Bandinelli, poi muro vincente di Sitti per quello che però sarà l’ultimo vantaggio di San Giustino (10-9), che pecca un tantino in ricezione e presta il fianco al Prato, abile nel prendere il via sul 15-12 grazie a un contrattacco concluso da Alpini, a un primo tempo out di Stoppelli e a un mani fuori di Catalano. Sul 12-17, i biancazzurri si riavvicinano a -2 e poi a -1 (18-19) con Stoppelli, prima che Alpini e una invasione di Muscarà consegnino le sorti del set al Prato, che chiude sul 25-22 con Catalano, dopo una indecisione nel secondo tocco che favorisce la ricostruzione decisiva per l’opposto di casa.

In avvio di seconda frazione, la musica inizialmente non cambia. Diagonale fuori bersaglio di Skuodis ed ErmGroup sotto di 3 (2-5), poi un paio di battute sbagliate non mutano la situazione fino a quando al servizio non va Muscarà: slash di Conti e contrattacco a segno di Cipriani per il sorpasso sul 9-8, con decimo punto a muro. Anche Sitti sfrutta la battuta: trova un ace e mette a nudo le difficoltà in ricezione degli avversari, portando San Giustino sul 12-8; ad allungare il divario provvede Stoppelli con un primo tempo e un altro punto in battuta, che produce l’allungo sul 15-10. Al contrario, i locali sbagliano tre volte al servizio e rendono più agevole il compito di Marra e compagni, che mantengono un margine oscillante fra le 4 e le 5 lunghezze; nel finale, Skuodis stoppa a muro Catalano, Cipriani piazza un altro ace e Conti firma in pipe il 25-19 che riporta in parità il match.

Il terzo set può diventare decisivo anche a livello morale e la ErmGroup ha il merito di partire bene, con una ricezione ordinata, un Cipriani ottimo in attacco e una battuta che fa il resto, come quando lo stesso Cipriani può colpire comodo in slash sul servizio di Stoppelli, che crea scompiglio sul campo pratese. Punto chiave è il decimo, realizzato da Skuodis sul terzo contrattacco dopo una strenua difesa da parte della formazione di Novelli, perché il successivo primo tempo di Muscarà e l’attacco fuori di Catalano spianano la strada alla ErmGroup, in vantaggio per 12-6. Il tentativo di recupero è allora vanificato – sempre al servizio – da Skuodis, che aggiunge un ace personale a fondo campo e riporta i suoi a distanza di sicurezza, facendo in modo che con una ricezione sempre pulita San Giustino riesca a garantirsi ogni volta il cambio palla. Conti e Cipriani non sbagliano, Skuodis prevale a muro su Catalano e anche Sitti coglie impreparata la difesa del Prato con un palleggio di seconda. I sigilli degli incontenibili Conti e Cipriani portano così la ErmGroup sul 2-1 con parziale di 25-20.

Si attende la reazione del Prato, che deve fare i conti con una squadra ospite ora in palla: Skuodis è potente in battuta e aggiunge un altro ace; il muro vincente e uno slash di Conti, propiziato dalla battuta di Muscarà per l’8-4, hanno già indirizzato il set per il verso giusto e di lì a poco Conti va a risolvere un’altra azione prolungata e spettacolare, poi fa altrettanto dopo un ottimo lavoro difensivo, mentre Cipriani completa l’allungo (siamo 11-5) a seguito di una efficace battuta di Sitti. Il Prato ha uno scatto di orgoglio che lo porta a dimezzare il gap (9-12), ma San Giustino non si distrae più e riparte con Skuodis, che lavora al meglio un assist lungo e Cipriani, che con la sua parallela tiene la ErmGroup a +4 (14-10), prima che sbaglino al servizio Cipriani e Skuodis, sostituito con Agostini. La formazione di Bartolini continua a ricevere senza sbavature e può rispondere al meglio con Cipriani; con Skuodis, che rientra e trova un mani fuori e in primis con un Conti divenuto incontenibile, che suggella la sua grande prestazione personale mettendo la mano sugli ultimi tre attacchi. Finisce 25-19: un’altra risposta convincente, anche sul piano del gioco, al ko della domenica precedente per opera del Civita Castellana.

Marco Bartolini analizza soddisfatto la gara: “Ribadisco ancora che i primi avversari da sconfiggere siamo noi stessi – ha detto l’allenatore della ErmGroup – ed ero fiducioso anche stavolta, perché provenivamo da una buona settimana. È vero, ci siamo distinti nella ricezione, ma a un certo punto abbiamo iniziato a “spaccare” la partita in battuta e comunque ho visto un gioco di squadra che mi è piaciuto, non dimenticando sul piano individuale Rino Conti, che si è elevato sopra tutti con una prestazione degna di nota”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*