Giordano Petri, attore tifernate, in prima linea nel piccolo e grande schermo

Giordano Petri, attore tifernate, in prima linea nel piccolo e grande schermo

Giordano Petri, attore tifernate, in prima linea nel piccolo e grande schermo

Tifernate protagonista sul grande e piccolo schermo. Fra poco inizierà le riprese della nuova stagione de, “Il paradiso delle signore”, la fiction di successo del pomeriggio di Rai 1. E ancora, protagonista nello spettacolo teatrale “Carlo Levi a sud di Eboli“, nel ruolo di Italo Calvino, con Fabio Mazzari e Anna Rita Del Piano, prodotto da Matera 2019 in occasione della nomina della città a Capitale della cultura. In tournée nella prossima stagione teatrale 2019/2020.

In uscita dopo un circuito festivaliero del film per il cinema “Credo in un solo padre” protagonista nel ruolo di Gerardo Bianco con Massimo Bonetti, Flavio Bucci e Anna Marcello per la regia di Luca Guardabascio. Infine un  cortometraggio “Happy birthday” con Jenny De Nucci e Fortunato Cerlino, in concorso alla 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Estate di lavoro e successi per il giovane attore tifernate, Giordano Petri (nelle foto).

Volto di molte fiction di successo di Rai e Mediaset, per citarne alcune lo abbiamo visto su Raiuno in Medico in famiglia 9 e Rosso San Valentino e su Canale 5 in Benvenuti a tavola – da nord a sudRIS Roma 2, Distretto di polizia 10, Giordano Petri, nato a Città di Castello in provincia di Perugia, ha un curriculum vasto e di tutto rispetto che parte dal Teatro per approdare in tv e al grande cinema. Dopo essersi formato presso il Laboratorio Teatrale Ottobre diretto da Valeria Ciangottini si è trasferito a Roma dove si è diplomato alla Scuola Nazionale di Cinema lavorando con numerosi maestri come Luca Ronconi, Tony Bertorelli, Leo Gullotta e Anna Galiena, Michael Margotta, Gisella Burinato. Grazie a numerose esperienze teatrali e alla partecipazione a famose serie tv come Don Matteo, Sei Forte Maestro, Il Sangue e la Rosa, Carabinieri 5, Il Commissario Manara, Ris Roma2, Distretto di Polizia10, Benvenuti a Tavola – Da nord a Sud, e con all’attivo un ruolo nel film Pinocchio (2002) di Roberto Benigni, ottiene una parte importante nel 2005 con il film Ma l’amore… sì, accanto ad Anna Maria Barbera nel ruolo di Eros Gaggio. Il 2010 è l’anno di un ruolo da protagonista nella pellicola Per Sofia, presentata con successo fuori concorso al 66°Festival di Venezia.

Una parte importante che lo porta a vincere il premio Nino Manfredi d’Oro al Cinema come miglior attore Emergente e una Menzione speciale come Migliore Attore Protagonista agli Awards 2010 Sicilian Film Festival di Miami. Nel 2013 lo abbiamo visto sul grande schermo a fianco di Carmen Maura e Stefano Dionisi come coprotagonista nella pellicola diretta dal regista Angelo Maresca “La Madre”, nel 2015 partecipa al progetto cinematografico “Francesca e le altre” per la regia di Stefano Anselmi al fianco di Lina Sastri nel ruolo di Antonio Manfra ed è nel cast del docu-film “Andrea Doria: Are the passengers saved?” regia di Luca Guardabascio nel ruolo del giornalista. In uscita il film Credo in un solo padre del regista Luca Guardabascio che lo vede protagonista nel ruolo di Gerardo Bianco al fianco di Massimo Bonetti Luca Lionello e Flavio Bucci.

Oltre al cinema Giordano si è sempre dedicato al Teatro.

Dal 2002 in avanti  ricopre ruoli di sempre maggior spessore: interpreta il ruolo di coprotagonista ne La Signora dalla Camelie con Monica Guerritore per la regia di Giancarlo Sepe ed è sempre accanto a Monica Guerritore ne La Giovanna D’Arco. Ancora calca le scene del teatro greco di Siracusa, dove ricopre il ruolo di Emone nell’Antigone di Sofocle con Alessandro Haber, Maurizio Donadoni e Galatea Ranzi per la regia di Irene Papas. Altra esperienza importante è accanto a Lando Buzzanca ne La zia di Carlo.

Nel 2009 ha ottenuto un ottimo successo con Crimini Coniugali per la regia di Luca Pizzurro e di recente ha preso parte al Reading di letture di poesie da Giuseppe Ungaretti a Vinicio de Moraes nell’evento “La vita, amico, è l’arte dell’incontro” e “A volte non abito qui” con Francesca Reggiani. Il 2012 è il momento del prestigioso riconoscimento come Miglior attore nella rassegna Premio Festival Internazionale Napoli Cultural Classic 2012. Nel 2019 è protagonista dello spettacolo Carlo Levi a sud di Eboli nel ruolo di Italo Calvino nei palinsesti di Matera 2019. A completare la sua esperienza, ha partecipato come coach della serie tv Sky “In-treatment” al fianco di Saverio Costanzo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
16 + 16 =