Grande successo per Iva Zanicchi al Teatro degli Illuminati di Città di Castello

Grande successo per Iva Zanicchi al Teatro degli Illuminati di Città di Castello “Grazie per averci regalato due serate bellissime e le canzoni che ci hanno riportato con i ricordi indietro nel tempo, all’epoca in cui venivano ballate in questo magnifico teatro”.

Il saluto a Iva Zanicchi del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta, salito sul palco del Teatro degli Illuminati insieme all’amministratore unico di Sogepu Cristian Goracci al termine del secondo spettacolo in anteprima nazionale del tour “Vita da Zingara”, ha interpretato il sentimento di un pubblico che anche ieri sera si è entusiasmato e ha applaudito lungamente la diva per una esibizione brillante e intensa, con il talento, il carattere, ma anche la genuinità che l’hanno fatta sentire davvero vicina e familiare a tutti i presenti.

“Caro presidente io le ho portato fortuna – ha replicato Zanicchi sottolineando la recente elezione del primo cittadino alla presidenza della Provincia di Perugia – lei deve essere orgoglioso di questa città che è meravigliosa e nella quale siamo stati accolti benissimo”.

Con il tutto esaurito fatto registrare ieri sera e il debutto sold-out della stagione di prosa di stasera, il Teatro degli Illuminati ha inanellato una tre giorni straordinaria, con oltre 700 spettatori.

“Una bella soddisfazione e la testimonianza che il pubblico tifernate risponde bene agli eventi di qualità”, sottolinea Goracci, nel rimarcare come “l’azienda sia impegnata ad ottimizzare la gestione del Teatro e a dare il proprio contributo al fianco dell’amministrazione comunale nella promozione di appuntamenti importanti”.

In questo contesto, la scelta di Iva Zanicchi si è rivelata azzeccata, perché ha riportato a Città di Castello un grande nome della musica internazionale con esibizioni che non hanno tradito le aspettative, riaprendo idealmente, grazie alla collaborazione del maestro Fabio Battistelli, il laboratorio artistico che negli anni ha permesso di offrire agli appassionati tifernati opportunità da “grande piazza”.

In grande forma e capace di emozionare il pubblico sui brani simbolo della sua carriera come “Testarda io”, “Zingara”, “La riva bianca e la riva nera”, “Un uomo senza tempo”, Iva Zanicchi ha strappato applausi e risate con i racconti degli aneddoti della vita familiare e dei concerti in tutto il mondo, conquistando con la bravura, ma soprattutto con lo spirito forte e determinato con cui calca ancora la scena, inseguendo, come dice lei, “la bambina che ho dentro, che non vuol smettere di fare musica”.

Anche ieri sera non è mancato il ricordo di Alberto Burri e dell’incontro a Roma, con la visita alle collezioni tifernati che è stata solo rimandata per le esigenze di preparazione dello spettacolo e della tournée che inizierà stasera da Modena, ma che l’artista è intenzionata a fare al più presto in un nuovo incontro con quella Città di Castello che le ha lasciato il sapore buono di un ritorno in grande stile sulla scena musicale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*