Covid-19, buoni spesa e rimborsi utenze in arrivo per oltre 500 famiglie

Calagreti: “contiamo di soddisfare tutte le richieste dei cittadini per contenere gli effetti della pandemia”

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid-19 buoni spesa rimborsi utenze in arrivo per oltre 500 famiglie

Covid-19, buoni spesa e rimborsi utenze in arrivo per oltre 500 famiglie

Sono in tutto 543 i tifernati che hanno risposto all’avviso pubblico emesso dal Comune per la concessione di buoni spesa e rimborsi delle utenze domestiche (acqua, luce, gas) per circa 140 mila euro finalizzati ad attenuare il disagio sociale delle famiglie causato dall’emergenza Covid-19.

La proroga della scadenza dal 31 dicembre 2021 al 9 gennaio 2022 ha permesso a circa 100 nuclei familiari di aggiungersi a coloro che avevano presentato la richiesta dei contributi nei termini inizialmente stabiliti, anche grazie alla consulenza assicurata dal personale dei Servizi Sociali e del Digipass, in coordinamento con il Servizio Sistemi Informativi e Telematici dell’ente, che ha gestito online l’avviso pubblico.


Fonte: Comune di Città di Castello


“I numeri testimoniano quanto la pandemia abbia accentuato la condizione di bisogno di tante famiglie che appartengono alla nostra comunità”, commenta l’assessore alle Politiche Sociali Benedetta Calagreti, sottolineando “l’importanza dell’intervento messo a disposizione dei cittadini con una procedura completamente telematica e rispettosa della riservatezza dei destinatari, che per scelta dell’amministrazione comunale è stato esteso per la prima volta anche alle utenze domestiche, in modo da contenere le ricadute degli aumenti delle bollette registrati negli ultimi mesi su scala nazionale”.

“La maggior parte delle richieste pervenute – spiega l’assessore – ha riguardato i buoni spesa, che verranno erogati attraverso l’accredito nella tessera sanitaria, mentre sono state circa 90 le istanze per i rimborsi delle utenze domestiche, che saranno concessi attraverso bonifico bancario”. Le risorse messe a disposizione dal Comune provengono dal finanziamento da parte del Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, del cosiddetto “Decreto Legge Sostegni-Bis”.

Le famiglie interessate, tutte con Isee non superiore a 16 mila euro e con una disponibilità bancaria-postale (compresi investimenti in titoli di Stato, titoli azionari od obbligazionari e simili) complessiva inferiore a 10.000 euro (con giacenza media aggiornata al 31 dicembre 2020), potranno beneficiare di contributi compresi tra 130 a 400 euro, in base al numero dei componenti, maggiorati fino a 50 euro in relazione alla presenza di minori di età compresa tra zero e tre anni o di componenti con disabilità grave.

“Contiamo di soddisfare la totalità delle domande pervenute, in base alla graduatoria che sarà stilata dai nostri uffici tra circa una settimana, al termine delle verifiche sul possesso dei requisiti necessari da parte dei richiedenti”, precisa l’assessore, nel ricordare che “sarà data precedenza a coloro che nel 2021 non abbiano beneficiato di altre forme di sussidio pubblico, come Naspi, reddito o pensione di cittadinanza, cassa integrazione, bonus partite IVA”. “Ogni beneficiario riceverà direttamente sul telefono cellulare la comunicazione dell’importo assegnato per i buoni spesa”, chiarisce Calagreti, evidenziando che “il contributo potrà essere speso entro e non oltre il 28 febbraio 2022, esibendo la tessera sanitaria negli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa, insieme a un documento di identità”.

“L’auspicio – conclude l’assessore – è di poter disporre nel corso dell’anno di ulteriori risorse da destinare alle famiglie in difficoltà, considerando che l’emergenza pandemica è ancora in atto e che sono stati annunciati nuovi rincari sulle bollette a livello nazionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*