Coronavirus, 19 casi positivi a Città di Castello, restate a casa


Scrivi in redazione

Coronavirus, 19 casi positivi a Città di Castello, restate a casa

“Aggiorniamo la situazione sull’emergenza Coronavirus: i dati ufficiali della ASL Umbria, che ringraziamo per la collaborazione, da 13 casi siamo passati a 19, 6 in più di ieri, alcuni dei quali riguardano la vicenda legata all’ospedale. Lo comunica il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta. Le persone in quarantena sono 74. Al termine della quarantena, se non si manifesteranno sintomi come speriamo, potranno tornare alle misure restrittive di tutti noi. Per il diritto umano alla riservatezza, non diremo chi sono ma possiamo dire che si tratta di nuclei familiari. E’ iniziata la sanificazione nella zona sud e nord, dentro il centro storico e i quartieri della circonvallazione.

La sostanza che usiamo non è nociva e comunque non ha poteri taumaturgici sul Coronovirus ma serve a stemperare il clima. Per quanto riguarda Poste italiane, rimarranno aperti solo gli uffici di Città di Castello e Cerbara e questo, nei giorni di pensioni, genererà un afflusso, in contrasto con il regime di contrasto al virus che abbiamo assunto. Chiederemo che almeno per alcune scadenze, venga riaperto tutto il circuito.

L’Ufficio delle Entrate ci ha comunicato una sospensione delle attività dovuta a un dipendente entrato in contatto con una persona positiva, al fine di mettere tutti in sicurezza. Sottolineo lo spirito di collaborazione anche di questo Ufficio. Aggiungo una nota positiva: lo striscione di solidarietà per gli operatori sanitari di Città di Castello che sono in trincea. Ringrazio alcune società rionale e pro-loco, San Giacomo e Piosina ma anche altre nei prossimi giorni, per le donazioni all’ospedale. In questa situazione ci sono anche risvolti costruttivi.

Rinnovo l’appello: bisogna stare a casa. Specialmente i giovani. Anch’io sono nella posizione di molti genitori e so che è difficile ma bisogna farlo. Immaginiamo nei prossimi giorni un aumento delle positività fino ad arrivare al picco e quindi è più che mai necessario stare a casa. MI rivolgo anche agli anziani. Mai come oggi l’isolamento sociale è l’unica carta che abbiamo per fermare il propagarsi del virus”.

“L’annuncio da parte della ASL Umbria 1 della riaperura del reparto di medicina dell’ospedale è un segnale importante di come l’ospedale lavori bene. Sono stati eseguiti tantisimi tamponi perché la vicenda della positività di alcuni operatori sanitari è legata alla fase difficile che stiamo vivendo e al fatto che questa categoria è in trincea, un plauso alla loro efficienza, solidarietà per ognuno di loro. Gli altri reparti continuano ad operare nella normalità. Dai medici agli infermieri, tutti stanno dando una grande prova di abnegazione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*