Incendio capannone, consiglieri Pd, la colpa è della Lega e dei suoi soci

Incendio capannone, consiglieri Pd, la colpa è della Lega e dei suoi soci

dal Gruppo consiliare PD di Umbertide
Incendio capannone, consiglieri Pd, la colpa è della Lega e dei suoi soci. Il Gruppo consiliare del Partito Democratico ha presentato la richiesta per avere a disposizione le ordinanze sindacali emesse sullo stabile dove è avvenuto l’incendio, nel quale ha perso la vita un uomo, e nel quale è rimasto ferito anche un vigile del fuoco durante le operazioni di soccorso e spegnimento delle fiamme. Marchetti (Lega) e Mancini (Lega) non possono continuare a dare colpe, giudizi fare la morale (da Città di Castello).

Cosa ha fatto la lega oltre che a presentare un’interrogazione parlamentare? Non percepiamo nessun atto concreto, rispetto a tutto quello che ogni giorno dirigenti e attivisti leghisti sbandierano su giornali e Social. Evidentemente il ‘bene’ della nostra Comunità, adesso, gli interessa solo per qualche eventuale ambizioso progetto politico personale (ai due tifernati). Non prendiamo lezioni da quelli che appartengo ad un partito che deve restituire 49 milioni di euro agli italiani.

LEGGI ANCHE: Umbertide, la campagna elettorale è finita, basta con strumentalizzazioni

Risponda invece l’Amministrazione a questi quesiti: 1) Chi sono i proprietari dei locali dove è successo il fatto? 2) Possibile che nessuno sapesse che fosse occupato abusivamente? Che neppure le forze dell’ordine sapessero niente? 3) Chi ha gestito l’Amministrazione negli ultimi 5 anni è ora in giunta con la Lega. Non si erano accorti di nulla? Oppure hanno emesso ordinanze senza dar seguito alle stesse? (Esempio: messa in sicurezza della struttura e in caso di inottemperanza del proprietario il comune interviene per poi rivalersi in sede giudiziaria). Legalità e verità vanno di pari passo, speriamo sia chiaro anche per i dirigenti leghisti di Città di Castello che vorrebbero mettere le mani sulla nostra Città.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*