Centauro in prognosi riservata per un incidente

Incidente in viale Europa, alle origini dello scontro una precedenza non data

Città di Castello, incidente mortale, auto in un burrone, muore un 53enne

Centauro in prognosi riservata per un incidente

Umbertidese di 52 anni in prognosi riservata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia per un incidente stradale avvenuto a Montecastelli, lungo la Tiberina. L’incidente è avvenuto questa mattina lungo viale Europa. L’uomo percorreva l’arteria in direzione Città di Castello su una Bmw 1.200 ed è andata a sbattere frontalmente contro una Ford Fiesta, condotta da un giovane di Monte Santa Maria Tiberina. Impatto violentissimo, con il centauro che è volato a due metri, riportando diverse fratture e un versamento cerebrale. Il centauro è stato soccorso direttamente dal conducente dell’auto. Sul posto la municipale: alla base dell’incidente una precedenza non data.

Centauro

4 Commenti

  1. I commenti servono a poco,ci vogliono severi controlli specialmente su questi centauriche tagliano curve superano di gran lunga la linea di mezzeria a velocità mostruosa da creare vero spavento.

    • Un commento del genere è sicuramente partorito dalla mente contorta di chi ha un qualche interesse sull’accaduto. Sei solo un poveraccio, oltre tutto che non sa leggere, dato che – come sta scritto nell’articolo – alla base dell’incidente vi è una precedenza non data, guarda caso da parte dell’automobilista.

      • Giulio, basta guardare questi fenomeni dentro quelle scatole di latta: intenti a madare messaggi al cellulare, a volte addirittura assorti nella lettura del giornale. Come vivessero in un mondo a parte. E c’è pure qualche idiota (in questo contesto ne abbiamo un esempio) che colpevolizza a priori i motociclisti, rei unicamente di condurre un mezzo che le loro menti contorte e limitate non riescono a condividere.

  2. Giulio, basta guardare questi fenomeni dentro quelle scatole di latta: intenti a madare messaggi al cellulare, a volte addirittura assorti nella lettura del giornale. Come vivessero in un mondo a parte. E c’è pure qualche idiota (in questo contesto ne abbiamo un esempio) che colpevolizza a priori i motociclisti, rei unicamente di condurre un mezzo che le loro menti contorte e limitate non riescono a condividere.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*