Nel Comune di Umbertide c’è una nuova centenaria, è la signora Noemi Roselli

 
Chiama o scrivi in redazione


Nel Comune di Umbertide c’è una nuova centenaria, è la signora Noemi Roselli

C’è una nuova centenaria nel Comune di Umbertide. Si tratta della signora Noemi Roselli, che nei giorni scorsi ha tagliato il traguardo del primo secolo di vita. Per festeggiare questo giorno speciale, il sindaco Luca Carizia e l’assessore Sara Pierucci hanno consegnato alla signora Noemi una targa celebrativa nella sua casa di Montecastelli. Noemi Roselli, da tutti chiamata Nella, è nata l’8 ottobre 1921 a San Leo Bastia da Ruggero Roselli e Maria Rossi.


da Ufficio stampa Comune di Umbertide


Come Noemi ama raccontare con orgoglio ai suoi nipoti, era una ragazza bellissima tanto è vero che il marito Giovanni Vescarelli, incontrandola, si innamorò di lei e aspettò il compimento dei 21 anni per poterla sposare. La loro è stata una vita di amore e di unità familiare, un esempio per le figlie, nipoti e pronipoti.

Dalla loro unione sono nate tre figlie: Giuseppina, Vanda e Franca. Tre sono i nipoti: Stefania, Massimiliano e Manola Recchia. Cinque invece i pronipoti: Verdiana Bassani, Michael Fiorucci, Christian e Micaela Recchia.

Noemi è stata fra le prime donne della sua generazione che ha preso la patente. Pilota provetta, ogni domenica con la sua Fiat 126, insieme al marito Giovanni, partiva da Umbertide dove viveva nella proprietà dei conti Oddi Baglioni (Giovanni era il fattore e Noemi la governante), alla volta di Montecastelli per portare il pranzo alla figlia Franca e ai nipoti che l’aspettavano con l’acquolina in bocca perché Noemi, oltre che esperta guidatrice, è stata una cuoca eccezionale. Le sue tagliatelle, le patatine fritte e la mitica crostata con la marmellata sono ricordate con piacere da tante persone.

Un altro ambito nel quale Noemi è stata insuperabile è stato quello del ricamo, attività che ha portato avanti fino a pochi anni fa: ha a ricamato tovaglie lenzuoli asciugamani con la tecnica del “gigliuccio” per i nipoti e pronipoti. La signora Noemi era molto abile anche nel lavoro a maglia e le sue calze di lana sono state portate anche fino in America ad alcuni conoscenti. La signora Noemi Roselli è la settima cittadina umbertidese nell’elenco dei centenari e ultracentenari residenti nel territorio comunale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*