Tris di vittorie sfumato per la Sia coperture San Giustino pallavolo

IL TIE-BREAK SORRIDE DI STRETTA MISURA ALLA LIMMI SCHOOL VOLLEY BASTIA

Tris di vittorie sfumato per la Sia coperture San Giustino pallavolo

Tris di vittorie sfumato per la Sia coperture San Giustino pallavolo
di Claudio Roselli
SAN GIUSTINO – Tie-break stavolta amaro, fra le mura amiche del PalaVolley, per la Sia Coperture San Giustino, che cede di stretta misura alla Limmi School Volley Bastia dopo quasi due ore e mezza di gioco. Un derby che non ha tradito le attese a livello di emozioni e intensità, anche se sul piano tecnico non si può certo dire che la partita sia stata esaltante. Come avvenuto contro il Castelfranco di Sotto, la Spicocchi e compagne sono state capaci di recuperare due set di svantaggio, senza però in questo caso operare il sorpasso.

Nei momenti topici del match, la formazione di Gian Paolo Sperandio ha fatto leva sull’esperienza delle varie Tosti, Marcacci (entrambe ex di turno), Cruciani e Valentini, con quest’ultima che ha piazzato più di un pallone “beffardo” sul campo biancazzurro. Per la Sia Coperture si sarebbe dovuto trattare della seconda partita con la formazione al completo; in realtà, Giulia Bartolini è rimasta fissa in panchina per i postumi di un attacco influenzale e nel secondo set è uscita di scena anche Gloria Lisandri, a causa di un leggero quanto improvviso malore. L’opposto rodigino si è poi ripresa ed è anche tornata per qualche minuto in campo nel set successivo, ma a scopo precauzionale ha assistito dalla panchina, con Giada Marinangeli che nella circostanza si è rivelata degna sostituta.

Alla fine, il peso dell’attacco è ricaduto principalmente su Camilla Cornelli, autrice di 24 punti.

Si parte con la Limmi Bastia che schiera la diagonale Marcacci-Valentini, la coppia centrale Cruciani-Nana, la Tosti e la Castellucci a lato e la Piccari libero. Risponde la Sia Coperture con la Lavorenti in regia, la Lisandri opposto, la Spicocchi e la Rosa al centro, la Barbolini e la Cornelli alla banda e la Krasteva libero.

Un rodaggio ancora difficile, per le padrone di casa, che subiscono la reattività delle avversarie in difesa e in attacco: ben presto, le ospiti vanno sul 9-2 in loro favore e al parziale tentativo di rimonta, che si ferma sul 5-9, replicano con un altro allungo fino al 14-8 e poi al 16-10; al rientro dal secondo time-out tecnico, il turno in battuta della Barbolini, che piazza anche un ace, produce un break di 6-0 che riporta la situazione in parità; Bastia va sul 18-16 con un ace della Castellucci (prima di lasciare il posto alla Ceccarelli) e San Giustino fa altrettanto con la Rosa, fino a mettere per l’unica volta il naso avanti sul 20-19 con un attacco vincente della Cornelli.

Sembra la svolta e invece le ragazze di Sperandio si ricompongono al momento giusto: il muro vincente sulla pipe della Lisandri e il contributo della Tosti portano la situazione sul 24-21; il 25esimo punto matura su un muro ai danni della Barbolini.

Formazioni confermate in avvio di secondo set, così come l’andamento della partita, che vede ben presto la Limmi School Volley (sempre avanti dall’inizio alla fine) prendere il largo grazie all’attacco e al muro: iniziale strappo fino al 6-2, poi un piccolo recupero di San Giustino fino al 4-6 e a quel punto ecco protagoniste la Valentini e la Tosti, che costruiscono il vantaggio di +5 (11-6), poi arrotondato a +7 (16-9) con la pipe della Tosti e con la fast fuori bersaglio della Spicocchi.

Sull’8-13, l’imprevisto per la Sia Coperture: gioco fermo perché Gloria Lisandri accusa molto probabilmente un debito di ossigeno e viene fatta stendere sulla panchina. La sostituisce nel ruolo di opposto la Marinangeli, che si presenta subito bene: suoi i due punti che, assieme all’ace della Spicocchi e al muro della Rosa, riportano San Giustino a -2, sul 18-20. Il set è riaperto: lo chiudono tuttavia sul 25-19 la Cruciani, la Valentini, un ace della Tosti e un preciso diagonale della Castellucci.

Giada Marinangeli parte titolare nella terza frazione, ma soprattutto parte a razzo la Sia Coperture sulla battuta della Barbolini: due muri iniziali, un ace della stessa schiacciatrice e le aggiunte della Marinangeli e della Rosa; al time-out tecnico è 8-0 per le locali, con l’allenatore di Bastia che fa rifiatare la Marcacci (abile nel garantire punti con i suoi palleggi a sorpresa), inserendo l’altra palleggiatrice Gallina assieme alla Meniconi, che prende il posto della Castellucci.

La Barbolini realizza un altro ace e il divario scavato da San Giustino arriva fino all’11-1, momento nel quale l’efficace battuta della Marcacci porta Bastia a dimezzare il ritardo (6-11); la Sia Coperture riprende in mano la situazione: la Cornelli firma il 14-6 in battuta e sul 16-8 la situazione sembra oramai delineata, non fosse per il recupero di una School Volley mai doma, che si avvicina fino al 13-17; Camiolo richiama in panchina la Barbolini e torna in campo la Lisandri, seppure in posto 4: per lei, un ace che – assieme al diagonale della Cornelli e a un attacco della Marinangeli – aggiorna la situazione sul 22-15. E quando la Cornelli regala il punto del 24-17, in pochi pensano che Bastia arrivi fino a quota 22, per effetto anche degli errori di San Giustino. La Barbolini viene rispedita nella mischia ed è lei l’autrice del colpo liberatorio in diagonale: 25-22 e gara ancora aperta.

Iniziano ora i due set più combattuti e incerti. In avvio del quarto, con la Meniconi in campo, la Limmi Bastia sembra accusare un minimo di stanchezza del quale approfittano la Lavorenti e la Barbolini con un muro e un “mani fuori”. Sull’8-5 per la Sia Coperture, dall’altra parte esce la Marcacci per un problema fisico e rientra la Gallina. L’ace della Lavorenti spiana la strada sul 12-7, ma la Valentini c’è e due primi tempi out della Rosa riportano sotto Bastia, che con il sigillo della giovane Nana passa a condurre per 14-13 e grazie a due invasioni rilevate dagli arbitri va sul 16-13, perfezionando un break di 5-0. La Sia Coperture rispolvera la Barbolini, anche se dall’altra parte la Valentini continua a far male; quando la situazione è sull’orlo del tracollo (siamo sul 21-23), ecco che a dominare i giochi c’è una sola giocatrice: Camilla Cornelli, che commette il solo errore di stringere troppo un attacco, consegnando in mano alle avversarie la palla match poi non sfruttata a dovere. A quel punto, la schiacciatrice bergamasca non si fa pregare: trova un “muro fuori” da brivido sul 26-25, con proteste della Limmi per un pallone che avrebbe toccato la linea e poi chiude con autorità il set sul 27-25, rimandando ogni decisione al tie-break.

Capovolgimenti di fronte a non finire anche nel quinto set: 2-0 per San Giustino, poi 2-2 e poi 4-2 con i primi tempi della Rosa e della Spicocchi. La Valentini colpisce due volte dalla seconda linea, la Cruciani lo fa sul primo tempo e una invasione rilevata dal primo arbitro manda le due squadre al cambio campo sull’8-5 per la Limmi Bastia. Non è certo finita: su un ace della Marinangeli e su una botta della Cornelli, il pareggio è cosa fatta e siamo 10-10. Equilibrio fino al 12 pari, quando Sperandio rimanda in campo la Marcacci e la Meniconi, sostituite nel frattempo dalla Gallina e dalla Castellucci. Sul 13-13, un attacco della Meniconi e una schiacciata a rete della Cornelli consegnano i due punti alla Limmi School Volley Bastia, che sale a quota 13. Piccolo passo in avanti per la Sia Coperture, che mantiene la quartultima piazza anche dopo aver mancato la terza affermazione consecutiva.

Pietro Camiolo, allenatore della Sia Coperture San Giustino, non nasconde la sua amarezza per l’impresa sfumata, nonostante la squadra abbia mosso la classifica. Una risposta comunque c’è stata e nel momento più difficile, quando Bastia conduceva per 2 set a 0 e la Lisandri era out. “In quel frangente, è venuto fuori il gruppo – dichiara Camiolo – che ha lottato e conquistato un punto: questo il dato senza dubbio positivo. Poi, i punti avrebbero potuto essere anche due e sarebbe stata un’altra rimonta esaltante, ma non è andata così. Vorrà dire che martedì ci ritroveremo in palestra per lavorare di nuovo intensamente dal punto di vista tecnico”.

SIA COPERTURE SAN GIUSTINO: Spicocchi 14, Lavorenti 5, Krasteva (L1) ricez. 65%, Lisandri 8, Cornelli 24, Barbolini 16, Marinangeli 7, Rosa 13. Non entrate: Sorrentino, Leonardi, Bartolini, Cosetti (L2). All. Pietro Camiolo.

LIMMI SCHOOL VOLLEY BASTIA: Valentini 21, Cruciani 10, Marcacci 7, Castellucci 9, Piccari (L1) ricez. 50% + 1 punto, Tosti 13, Gallina, Nana 7, Ceccarelli, Meniconi 13, Ribelli. Non entrate: Pici (L2), Patrignani. All. Gian Paolo Sperandio e Fabrizio Raspa.

Arbitri: Matteo Mannarino e Luca Pescatore di Roma.

 

SAN GIUSTINO: battute sbagliate 7, ace 11, muri 14, ricezione 57% (perfetta 26%), attacco 29%.

BASTIA: battute sbagliate 4, ace 5, muri 11, ricezione 45% (perfetta 16%), attacco 28%.

 

Durata set: 31’, 29’, 31’, 36’ e 19’ per un totale di 2 ore e 26’.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*