Vittorio Galmacci, Lega Nord Umbria, sindaco Umbertide dimentica la gente

Vorremmo vedere molto altro, rispetto a quanto millantato

Città di Castello, Galmacci, presidente di quartiere 1 chiede risposte a Locchi

Vittorio Galmacci, Lega Nord Umbria, sindaco Umbertide dimentica la gente
da Lega Nord Umbria
UMBERTIDE – Un incontro utopistico e non molto partecipato, così Vittorio Galmacci referente comunale per la Lega Nord ha definito l’assemblea pubblica organizzata dall’amministrazione comunale di Umbertide e alla quale ha partecipato assieme al consigliere regionale Valerio Mancini. “Premetto – precisa Galmacci –  che questo tipo di iniziative dove vige il coinvolgimento e la consultazione popolare, sono sempre ben accette e lo sarebbero ancor più quando si parla di opportunità o problemi che riguardano la comunità, come ad esempio la moschea.

Detto ciò il titolo dell’incontro pubblico “Quale Umbertide?” apre di per sé una lunga riflessione che evidenzia soprattutto le lacune di questa amministrazione, non certi i finti meriti esaltati nel dibattito. Vorremmo vedere molto altro, rispetto a quanto millantato, vorremmo vedere un’ amministrazione attenta alle problematiche cittadine che risolva il problema della zona ex-Fornace completamente abbandonata; vorremmo un’amministrazione che si occupi del quartiere delle Petrelle, dove manca il gas, l’acqua pubblica e l’illuminazione è presso che assente; che si occupi di Preggio, dove non ci sono fognature e anche del Calzolaro, dove si lamentano odori e miasmi insopportabili, come anche a Pierantonio; vorremmo più attenzione e cura per la Pineta Ranieri abbandonata a se stessa come l’area verde lungo il torrente Reggia.

Umbertide aspetta da più di 5 anni che siano terminati i lavori sulla scuola Monini di via Morandi, oggi terremotata; è la stessa Umbertide dove l’amministrazione Giulietti voleva far installare niente meno che un parco eolico a Monte Acuto e la stessa che contestava la nostra richiesta di installazione di telecamere di sorveglianza; un’ Umbertide che ancora aspetta la costruzione di un marciapiede, già a suo tempo promesso, su tutta la parte alta di via Roma; un’ Umbertide che si decida a ricostruire al più presto la serra per i disabili; un’ Umbertide che abbia a cuore la cultura e la promozione turistica del nostro territorio dalla quale dipende buona parte dell’economia locale, senza dimenticare i pochi e coraggiosi commercianti umbertidesi rimasti; un’Umbertide che aspetta interventi concreti sulla ferrovia, sul sistema di trasporti e sulla non trasformazione della E45 in autostrada; un’Umbertide che dia ascolto ai Consigli di

Quartiere, finora del tutto ignorati e considerati un peso. Consci di aver tralasciato altri importanti argomenti, questa è l’Umbertide che vorremmo. Buon lavoro, sindaco Locchi, si metta al lavoro perché di cose ce ne sono molte da fare”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*