A Città di Castello il secondo protocollo per il canone concordato

Foto -intermediaCHANNEL

Riceviamo dal Comune di Città di Castello e pubblichiamo
L’intesa è stata siglata in Comune alla presenza del sindaco Luciano Bacchetta e delle rappresentanze delle organizzazioni dei inquilini – Sunia, Sicet, Uniat e Unione Inquilini – e della proprietà edilizia – Confedilizia, Asppi, Appc. “Il disagio abitativo è uno degli effetti della crisi che colpisce le famiglie con maggiore impatto” dichiara il sindaco a margine della firma “alle azioni specifiche varate dalla Regione Umbria oggi si aggiunge uno strumento, di carattere negoziale e, per le sue caratteristiche, destinato ad una applicazione molto estensiva. Nel protocollo infatti sono previste agevolazioni nella tassazione per i proprietari che concederanno a canone concordato i propri immobili ad uso residenziale e riduzione dei canoni di affitto e un aumento della detrazione fino a 491mila euro nella denuncia dei redditi per gli inquilini, configurando un doppio vantaggio per le parti interessate. In particolare i proprietari che aderiscono al protocollo beneficeranno di una riduzione nella cedolare secca che passa dal 21 per cento al dieci e di un’aliquota Imu dello 0,69 per cento, parificata ai comodati ad uso gratuito, e non dell’1,06 prevista a livello generale per tali tipologie”.

Il territorio è stato definito sulla base di cinque aree urbane omogenee, – il centro storico, il capoluogo e le frazioni di Trestina e Cerbara, la zona periferica e la zona rurale –  all’interno delle quali vigeranno le stesse condizioni contrattuali di massimo e minimo. “Abbiamo perseguito l’obiettivo di un accordo con particolare determinazione – conclude il sindaco –  considerando la dimensione che il disagio abitativo ha assunto e la complementarietà rispetto manovre di sostegno al reddito dirette. La misura ha di certo un valore anticiclico rispetto ad un bene essenziale e necessario come l’abitazione ma i suoi effetti sono di lunga durata perché si innesta stabilmente in un mercato immobiliare che la crisi ha reso più recettivo all’affitto che non all’acquisto. Da questo punto di vista il protocollo può agire come elemento di un nuovo equilibrio tra la domanda e l’offerta a livello locale, riqualificando la residenza sia nel centro storico che nelle frazioni”.

Print Friendly

2 Commenti su A Città di Castello il secondo protocollo per il canone concordato

  1. Segnaliamo che il titolo è errato, non è questo il primo protocollo bensì’ il secondo, perchè il 4 novembre ne è già stato firmato un altro, a Città di Castello. Ambedue andranno pi rivisti alla luce del testo regionale unico, ancora in fase di definizione.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*