Raccolta differenziata a quota sessanta, centrale di Belladanza, 220mila euro di investimenti nel verde pubblico

Il 2107 dell'assessorato all'ambiente

Raccolta differenziata a quota sessanta, centrale di Belladanza, 220mila euro di investimenti nel verde pubblico

Raccolta differenziata a quota sessanta, centrale di Belladanza, 220mila euro di investimenti nel verde pubblico

di Martina Rastelli
Città di Castello – Il servizio di raccolta differenziata porta a porta ricopre ormai l’85 per cento della popolazione. Il bilancio del 2017, dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Città di Castello, comincia da questo dato.

L’Assessorato sottolinea che, nella fase attuale, tutte le fonti di rifiuto hanno una risposta in termini di servizio. L’operazione banco a banco, che ha coinvolto i mercati cittadini, ha permesso il mantenimento del ciclo dei rifiuti. 

Questo stando dentro ai parametri di sostenibilità attraverso l’applicazione della cosiddetta tariffa puntuale da parte di Sogepu spa, basata sul principio pago quanto produco. I risultati di tali politiche ad ampio raggio sono già percepibili nell’innalzamento della percentuale di rifiuto differenziato dal 50,5 per cento del 2016 al 60 per cento del 2017.

Città di Castello svolge ampliamente la sua parte nel sistema regionale dei rifiuti. L’investimento di 14 milioni di euro sulla centrale di Belladanza sarà destinato al potenziamento del corpo della discarica e alla realizzazione dell’impianto di pretrattamento, compostaggio e di gestione anaerobica.

L’assessorato all’ambiente mette in primo piano anche un altro capitolo riguardante il servizio di gas metano e il servizio idrico integrato e aggiunge” “Umbria Acque merita un discorso a parte perché l’Amministrazione ha in campo iniziative finalizzate ad una maggiore attenzione del gestore sulla quantità e qualità del servizio”.

Nel bilancio del 2017 dell’assessorato all’ambiente un ultimo passaggio è riservato al verde pubblico a cui sono stati impiegati 300 mila euro dal bilancio comunale alla manutenzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*