Umbertide Cambia, giovedì il movimento civico presenta la lista per le comunali

Umbertide Cambia
Umbertide Cambia

Umbertide Cambia, giovedì il movimento civico presenta la lista per le comunali

Giovedì 12 aprile alle ore 19.15 presso la sede del comitato elettorale di Viale Unità d’Italia (ex Bar Italia) Umbertide cambia presenterà pubblicamente la lista dei candidati per le prossime elezioni comunali del 10 giugno. Dopo la candidatura a Sindaco di Gianni Codovini e l’indicazione di Claudio Faloci capolista il movimento civico schiera la sua squadra, “persone libere, lontane dai partiti – assicura Faloci – che vogliono contribuire con il loro impegno e le loro professionalità al risveglio ed al cambiamento della nostra città”.

Il capolista di Umbertide cambia coglie l’occasione per una riflessione sull’attuale quadro politico, anche sulla base di alcune notizie apparse sugli organi di stampa.

“A Liberi e uguali – precisa – non abbiamo offerto uno strapuntino, ma di condividere il nostro progetto di cambiamento del governo della città anziché rinchiudersi in una logica identitaria.

Quel cambiamento che il PD non ha saputo proporre nemmeno al suo interno, nonostante la sconfitta elettorale, presentando quale candidato Sindaco il Presidente dell’Assemblea cittadina, Paola Avorio, la massima espressione dell’apparato gestito da Giulietti e Guasticchi, che qualche mese fa hanno utilizzato Locchi e l’Amministrazione comunale per i loro giochi di potere interni ed ora si ripresentano beatamente insieme con la pretesa di riabilitare se stessi anziché lasciare spazio ad una classe dirigente veramente nuova e credibile”.

Sui 5 Stelle: “Non può che farci piacere vedere che per quanto riguarda il Centro Islamico il partito di Casaleggio si stia avvicinando alle nostre posizioni, resta il fatto – ricorda Claudio Faloci – che in Consiglio Comunale non hanno mai condiviso i nostri ordini del giorno in materia e non hanno approvato il Patto di cittadinanza da noi proposto. Quindi non riesco a capire quale in realtà sia la loro posizione in merito alla costruenda Moschea. Ce la spiegheranno”. “Se consideriamo la difficoltà del centro destra di avanzare una proposta politica unitaria – conclude Faloci – mi sembra che al momento il progetto di rinnovamento di Umbertide cambia sia quello più concreto, responsabile, utile per dare alla città un periodo di buon governo di garanzia ed un nuovo sviluppo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*