Per scappare da polizia dopo furto si gettano nel Tevere, uno forse è annegato

Le ricerche sospese ieri sera per via del buio sono riprese in mattinata

Ritrovata donna scomparsa dalla zona di Città di Castello, sta bene

Per scappare da polizia dopo furto si gettano nel Tevere, uno forse è annegato CITTA’ DI CASTELLO – Prima il furto e poi la fuga. E’ accaduto nella notte di venerdì ai danni del Bar Officina di Rignaldello a Città di Castello per mani di due ladri. Uno dei due autori del furto preso dal panico, insieme alla sua famiglia e a quella del suo complice nel furto, domenica sera sul tardi si è recato al commissariato e ha raccontato che per paura di essere scoperti dalla polizia e dai carabinieri, si sono gettati nel Tevere in piena.

Quest’ultimo, uno straniero di poco più di 20 anni, con piccoli precedenti, ha detto che in spalla aveva uno zainetto con diverse cose rubate. Il suo complice, anche lui un giovane straniero, invece portava il registratore di cassa. L’autodenunciante ha raccontato di essere andato più volte sotto acqua e solo lo zainetto lo ha riportato a galla. Poi, con l’aiuto di un ramo di un albero penzolante ha raggiunto la riva.

Nessuna notizia del suo compagno. C’è il timore che possa essere annegato. Una volta scattato l’allarme sono state avviate le ricerche lungo il Tevere, dalla zona dove si sono gettati in acqua fino a valle. Anche l’elicottero Drago 53 di stanza ad Arezzo ha partecipato alle ricerche. Sul posto oltre alla squadra del distaccamento tifernate sono giunti anche i colleghi della squadra Saf del comando provinciale di Perugia, che a bordo di due canotti hanno controllato il Tevere nelle due sponde. Da Roma è arrivata una apposita squadra del nucleo subacqueo dei vigili del fuoco. E’ stata ritrovata una parte del registratore di cassa e anche il pantalone di una tuta, ma del ragazzo nessuna traccia. Le ricerche sospese ieri sera per via del buio sono riprese in mattinata.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Mi dispiace se è annegato ma ricordiamoci che i reati non vanno commessi e non è la prima volta che il bar Officina subisce di questi furti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*