Inaugurata la nuova sezione del Partito Socialista Italiano a Città di Castello

Inaugurata la nuova sezione del Partito Socialista Italiano a Città di Castello

CITTA’ DI CASTELLO – Sulle note dell’Internazionale, eseguita mirabilmente dal Ivano Pescari con la sua fisarmonica, è stata inaugurata questa mattina a Città di Castello – centralissima Via Marconi al civico 11/a -, la nuova sede del Partito Socialista Italiano, a poca distanza dalla storica sezione degli anni ’80.

Un punto di riferimento per incontrarsi e confrontarsi sui programmi politici futuri, con l’obiettivo di aprire le porte a tutti quelli che vogliono impegnarsi per il futuro della nostra comunità.

Alle pareti dei locali i simboli del partito con le foto di statisti e icone politiche come Pertini, Nenni, Matteotti, Craxi e Angelini: sul tavolo un mazzo di garofani rossi ed in sala tanta gente con gli occhi gonfi di nostalgia e commozione.

«È stata per me una grande emozione poter inaugurare da segretario la sede della sezione del PSI di Città di Castello. In un periodo in cui fare politica non è affatto semplice, trovo che sia fondamentale, individuare un luogo dove ritrovarsi fisicamente, portare le proprie idee e contribuire alla crescita di questo partito». Lo ha detto Marco Mearelli, segretario della sezione del Partito Socialista Italiano di Città di Castello.

Mearelli è stato eletto segretario ad ottobre 2017 dopo aver fatto per 5 anni il capogruppo. «Uno dei primi obiettivi che mi sono prefissato – ha spiegato Mearelli – è stato proprio quella dell’apertura di una sede. Con l’impegno di altri compagni siamo finalmente riusciti nell’intento. Tra l’altro la sede è collocata, volutamente, in pieno centro storico in una posizione e ben visibile».

I socialisti esistono e non hanno nessuna intenzione di ritirarsi dall’attività politica. «Stamattina l’emozione è stata tanta – ha aggiunto -, tradita anche dalla voce non proprio ferma, anche perché eravamo a 10 metri dalla vecchia sede storica, dove nel 1988 sottoscrissi la mia prima tessera».

Sede storica di quando le riunioni si protraevano fino alle 3 di notte e la passione politica era veramente forte. «Sede storica – ricorda il segretario – dove abbiamo vissuto il periodo di tangentopoli e i passanti ci urlavano “ladri” quando vedevano la luce accesa. Oggi, in pochi attimi, ho rivissuto con un po’ di nostalgia, tutto il mio vissuto di socialista, orgoglioso di esserlo. Posso dire, senza timore di essere smentito, che non ho mai rinnegato la mia appartenenza a questo partito, anche quando, definirsi socialisti poteva esporti a qualche critica, se non anche a pesanti ingiurie. Per cui capirete tutti – ha detto – con quale soddisfazione mi sono ritrovato ad inaugurare, da segretario, una sezione colma di gente. Questo sarà sicuramente un punto di partenza per numerose iniziative future e spero un luogo da dove usciranno proposte politiche serie e di qualità. Perché, secondo me, il Partito Socialista e la sinistra in genere, avrà un futuro solo se si seguiranno le indicazioni fornite dalla base, e non viceversa. Ringrazio – ha concluso – tutti i compagni che con il loro impegno hanno reso possibile tutto ciò».

Era presente anche Silvano Rometti, membro della direzione nazionale e consigliere regionale del Psi: «Città di Castello – ha detto Rometti – è punto di riferimento e modello da seguire a livello nazionale e regionale, oggi questa sede, la tanta gente presente, i progetti futuri di attività politica ne sono la testimonianza concreta».

«La nostra storia è qui. A poca distanza – ha proseguito il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta – negli anni ’80 nella storica sede abbiamo progettato tante iniziative non solo politiche ma anche istituzionale che poi ci hanno consentito di recitare un ruolo importante nella guida della città assieme agli altri partiti e forze politiche. Oggi a poca distanza si riapre un nuovo luogo di incontri, un punto di riferimento per gli iscritti e non solo per proseguire con entusiasmo e ottimismo su quel solco già tracciato da chi ci ha preceduto e che oggi ricordiamo con orgoglio».

Erano presenti in sala amministratori comunali, gli assessori Massimo Massetti, Riccardo Carletti, Michele Bettarelli e Luca Secondi, i consiglieri comunali, Vittorio Morani, Benedetta Calagreti, Luigi Bartolini, Filippo Schiattelli, Ursula Masciarri, Massimo Minciotti, il presidente Polisport, Angelo Monaldi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*